Quantcast
Cronaca

Amt, sindacati contro lo spettro privatizzazione: “A.A.A azienda cercasi”

autobus amt

Genova. La pace in Amt è armata e si sa. Oggi i sindacati hanno alzato il tiro rivendicando con una nota unitaria il rispetto dell’accordo siglato il 7 maggio scorso “a differenza di Amt Comune e Regione”. “Ad oggi, gli unici a pagare il conto di un accordo sofferto sono stati solo i lavoratori – scrivono – Come spesso accade, in AMT si vuole scaricare la colpa di interventi ad altri riconducibili ( Riorganizzazione Aziendale ) su persone che non hanno responsabilità di gestione”.

Il riferimento è alle indiscrezioni a mezzo stampa sui lavoratori di AMT che dovranno seguire i corsi di abilitazione per ricoprire il ruolo di ADT. “Tanto per ricordare Amt ha sottoscritto un accordo con cui poteva individuare 60 persone già dal 2011, ma siccome non era in grado, o non voleva, ha ritenuto utile sottoscriverne un altro – spiegano le rappresentanze – Dall’ultima riunione è emerso che le procedure e i criteri per l’individuazione dei lavoratori interessati, come concordato i sindacati, sono state disattese creando turbative tra il personale, come pure appare incomprensibile la logica delle scelte, sia sulla base delle professionalità che alla formazione progressiva di elenchi, a tutt’oggi sconosciuti”.

“Come mai l’Amministratore Unico non chiama l’Assessore competente per concordare con la Polizia Municipale come programmare i corsi? – è la domanda retorica – Per Amt, da giugno a dicembre 2013, significa 1 milione, che sommato agli 800.000 euro in meno della manovra tariffaria, produrrà un ulteriore forte aggravio di costi per l’azienda”.

I sindacati temono un disegno data, a breve, la decisione politica sul destino di Amt: “Non si è per caso creato un’asse Comune, Regione ed Azienda per arrivare a privatizzare la stessa?”
Ci piacerebbe sapere, e soprattutto avere qualche risposta in merito. Noi non siamo disponibili a percorrere strade alternative all’accordo. Se qualcuno vuole distruggere Amt esca allo scoperto e se ne assuma la responsabilità. E’ un film già visto, e non ci sembra che quel film abbia vinto un oscar”.