Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Meteo Liguria, la tregua è già finita: nuove perturbazioni e possibili nevicate sull’Appennino previsioni

Liguria. La breve tregua dopo il maltempo invernale di sabato è durata ancora meno del previsto sulla Liguria. Nubi di matrice marittima hanno coperto i cieli già nella giornata di ieri, richiamate da una circolazione sud-occidentale che precede il nuovo peggioramento nord-atlantico delle prossime ore.

Secondo quanto registrato dalle centraline Limet, le temperature massime ne hanno risentito rimanendo sotto la soglia dei 20 gradi sia sulla costa come nell’interno, valori ancora sotto la media stagionale che permarranno tali e anzi subiranno un nuovo calo tra oggi e domani nell’interno e in montagna.

Siamo arrivati alla fine di maggio e con essa alle battute finali della primavera meteorologica ma il trend non sembra, secondo le proiezioni dei modelli matematici, ancora destinato a cambiare in maniera risolutiva verso una stabilità duratura.

Gli esperti Limet spiegano che le cause risiedono sempre nella mancanza delle alte pressioni sul comparto occidentale dell’Europa che rimane così esposta alle sfuriate nord-atlantiche che hanno come target il Mediterraneo centro-occidentale. Un’anomalia barica che ormai si perpetua, tranne brevissime tregue, da mesi e che giunti alle porte di giugno è ben lungi da regredire.

Eccoci così dinanzi a una nuova fase di maltempo che dalla giornata odierna prenderà forma anche sulla Liguria con piogge deboli in avanzamento da ovest in mattinata per poi intensificarsi tra il pomeriggio e la nottata sui settori centro-orientali sospinte da veti forti di libeccio che renderanno il mar Ligure agitato con rischio di mareggiate sulle coste esposte. L’aria fresca che accompagna la perturbazione nord-atlantica determinerà un nuovo calo delle temperature, sempre inferiori alle medie del periodo.

Nuove nevicate fuori stagione in Appennino sopra i 1400-1500 tra domani e giovedì in un contesto di instabilità che seguirà il passaggio perturbato. Per un miglioramento, in un contesto di variabilità, dovremo attendere il fine settimana e saremo già a giugno.