Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Genoa strappa un punto a Bologna, i rossoblù chiudono il campionato a quota 38

Stadio Dall’Ara Vargas è già Perù. Kucka, Matuzalem, Granqvist e Frey non sono stati nemmeno convocati. Antonelli è in panchina. Bologna-Genoa non conta nulla e lo si capisce al volo. Mister Ballardini concede spazio a chi ha giocato meno, la Serie A è già stata certificata la scorsa settimana. La vittoria dei cugini sulla Juventus ha poi tolto al Grifone la possibilità di un eventuale sorpasso in classifica, giusto mandare in campo le seconde linee.

Ma non ci sono solo le riserve. Ecco l’undici scelto dal tecnico rossoblù: Donnarumma in porta; difesa a 4 con Pisano, Portanova, Manfredini e Moretti; inedito terzetto di centrocampisti con Pisano, Tozser e Rigoni. In attacco ecco Jankovic, Borriello e Floro Flores.

Si comincia. La prima conclusione di cui prendere nota è di Borriello, un sinistro dalla distanza che costringe Stojanovic al miracolo. La replica sui piedi di Moreo, fondamentale l’opposizione di Tozser. La partita si accende. Al 20’ arriva il gol del Bologna, un incantevole destro al volo di Konè: buon per il Genoa che il centrocampista del Bologna sia in fuorigioco. Il risultato resta inchiodato sullo 0-0.

Tocca di nuovo agli uomini di Ballardini con una punizione dal limite di Floro Flores: Stojanovic vola e devia in angolo. Prosegue il botta e risposta: Diamanti inventa per Konè che riesce a eludere la sorveglianza di Portanova e Pisano e calcia di potenza; è la traversa a negarli la gioia del gol. Al 34’ tiro centrale di Diamanti, Donnarumma para. Cross di Garics, rovesciata di uno scatenato Konè: fuori.

Insistono i padroni di casa con Diamanti che dalla distanza non inquadra la porta. Non ci riesce nemmeno al 42’, il suo sinistro si spegne a lato. Un minuto prima il cambio del Genoa con Nadarevic che prende il posto di Bertolacci. L’arbitro manda tutti negli spogliatoi.

La ripresa si apre con la velenosa punizione di Diamanti che Donnarumma devia in angolo. Fuori Jankovic, entra Cassani con il compito di infastidire Taider. Diamanti vuole segnare e ci prova anche al 18’: cerca il primo palo ma non lo trova.

Paratona di Donnarumma su Sorensen ma l’arbitro aveva già fermato tutto per un fallo dello stesso difensore del Bologna. Ancora Diamanti, la mira non lo assiste. Sbilenca pure la conclusione di Krhin che da fuori area spara a lato. Scintille fra Diamanti e Borriello per un fallo di quest’ultimo su Moscardelli, il bomber del Genoa rimedia il giallo. Qualche insulto, la storia si chiude lì.

È il Bologna a fare la partita (dal primo all’ultimo minuto), il Genoa si limita a difendere lo 0-0. Ci prova ancora Moscardelli ma Donnarumma fa buona guardia. Passano i secondi, dopo i tre minuti di recupero si arriva al triplice fischio. Un Genoa già in vacanza riesce nell’impresa di portare a casa un punto. Ma sarà ancora Serie A, la festa può cominciare.