Quantcast
Altre news

Confindustria Sistema Gioco, a Genova decisione unilaterale: più difficili gli investimenti sulla sicurezza degli apparecchi

slot machines

Genova. “In attesa di poter esaminare in dettaglio i contenuti del nuovo regolamento approvato a Genova il 30 aprile scorso, notiamo che l’unica “concessione” che è stata fatta al settore è di poter continuare a lavorare, scongiurando il rischio – che per molti stava diventando concreto – di chiudere l’attività con conseguenti perdite di posti di lavoro” afferma Massimiliano Pucci, vicepresidente di Confindustria Sistema Gioco Italia, che aggiunge: “Se sarà confermato quanto è emerso dagli organi di stampa, la sospensione di ogni decisione per i prossimi quattro anni impedirà agli operatori di fare una corretta pianificazione della distribuzione e renderà estremamente problematici gli investimenti, previsti da recenti norme, finalizzati a rendere gli apparecchi sempre più sicuri e controllabili. Voglio inoltre ricordare che approvare a livello locale misure sulla presenza di sale giochi e apparecchi da intrattenimento, prima ancora che siano definite a livello nazionale le norme previste dal decreto Balduzzi su questi punti, potrebbe portare a un contrasto tra leggi nazionali e locali, una sorta di cortocircuito tra Stato centrale e autorità locali con conseguenti controversie e ricorsi dannosi per tutti”

“Credo che ogni decisione sulla regolamentazione di questo settore che – lo ricordo – ha consentito con la grande operazione di emersione del gioco illegale avviata nel 2003 di rendere il gioco sicuro e trasparente, non possa essere presa in modo unilaterale come accaduto a Genova, ma debba prevedere sempre il coinvolgimento di AAMS e degli operatori. Da parte nostra non possiamo che continuare a confermare la nostra piena disponibilità a partecipare ai prossimi tavoli di lavoro.”