Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bologna-Genoa: le nostre pagelle

Il Genoa porta a casa la pelle, a Bolgona finisce 0-0. I rossoblù sono già salvi e si vede: formazione sperimentale, tensione ai minimi stagionali: sono i padroni di casa a fare la partita. Ci si può accontentare, sarà ancora Serie A. Voti generosi, da ultima di campionato. Fossero stati 90′ da dentro o fuori si leggerebbero ben altri numeri.

Donnarumma 7: il Bologna cerca il gol in più occasioni ma il portiere è sempre molto attento. Buon per lui che i difensori intercettino con il corpo le conclusioni più pericolose degli avversari. Strepitoso sulla punizione di Diamanti. Scoperta.

Pisano 6: si ritrova spesso ad avere a che fare con Diamanti. Non lo si vede superare la linea del centrocampo in 90′; troppo impegnato a difendere per lanciarsi in avanti. Piantato.

Portanova 6: l’ex della partita suda sette magliette per difendere il fortino dagli attacchi di Diamanti, Gilardino e Konè. Il greco gli sfugge bene a metà del primo tempo ma la traversa rende l’errore meno pesante. Granitico.

Manfredini 6: come Tozser intercetta col corpo un pallone che sembrava destinato alle spalle di Donnarumma, un intervento che vale quanto un gol. Muro.

Moretti 6: quado hai a che fare con gente come Diamanti, specie se affamato di gol, ti aspettano 90’ di guai. Il capitano soffre con la squadra, a giro marca tutti gli avversari che si alternano da una fascia all’altra, e il Genoa porta a casa la pelle. Affidabile.

Rigoni 6: partita senza infamia e senza lode, la salvezza conquistata domenica scorsa ha evidentemente fatto calare stimoli e motivazioni. Svolge il suo compitino ma quando decide di osare dimostra di avere dei bei piedi. Passeggiata.

Tozser 5: torna titolare contro il Bologna e non fatichi a capire come mai, nel corso della stagione, sia finito tra le riserve. Regista poco illuminato, ha il merito di “parare” il tiro a botta sicura di Morleo nei primi minuti. Rispolverato.

Bertolacci 6: sufficienza politica, schierato a centrocampo l’ex leccese si limita alle cose semplici. Con il Genoa già salvo va bene così. Presenza. Da 41’pt Nadarevic 6: ordinato, macina chilometri, l’impegno c’è. Offre un paio di bei palloni a Borriello, offre un prezioso contributo ai compagni della difesa. Pronto.

Jankovic 5: stoppa male un paio di palloni, piazzato sull’ala destra fatica nel trovare spazi. Mai pericoloso, pure le punizioni sono a salve. Spaesato. Dal 12’st Cassani 6: entra con il compito di francobollare Taider. Lo si vede spesso in posizione centrale ma per fare quanto chiesto dal mister tocca questo a altro. Mastino.

Borriello 6,5: la partita non conta nulla ma lui segnare piace, vive per il gol. Ci prova già nei primi minuti ma Stojanovic si supera. Quando gli arrivano palloni giocabili cerca di liberare il mancino. Famelico. Dal 38’st Said sv: giusto un gettone di presenza. Comparsa.

Floro Flores 6: quando giochi al fianco di Borriello sembri sempre un gradino sotto ma la punta rossoblù sa dare del tu al pallone. Bella la punizione, poteva valere l’1-0. Boglona non conta molto, resta tra le certezze del Genoa di domani. Futuro.