Quantcast
Economia

Amt, ore decisive per il futuro dell’azienda: previsto incontro con Comune e Regione

autobus amt

Genova. Oggi potrebbe essere la giornata decisiva per il futuro di Amt. Ieri la Regione ha fatto sapere di voler sostenere la nascita dell’agenzia per il trasporto pubblico locale, d’intesa con i Comuni e le Province per riuscire ad ottenere vantaggi sia di programmazione che economici al sistema trasportistico regionale.

Nel corso del summit di ieri, inoltre,  gli assessori hanno confermato inoltre l’impegno ad investire risorse della nuova programmazione europea 2014-2020 per il rinnovo e la sostituzione del parco mezzi. Un obiettivo non piu’ eludibile vista l’anzianità media degli autobus genovesi che si aggira sui 12 anni.

Alla luce di quanto accaduto ieri e del piano aziendale presentato dai sindacati, oggi si potrebbe decidere del futuro dell’azienda di trasporto pubblico, visto che dovrebbe svolgersi un incontro con Comune e Regione.

Nel frattempo, sabato 4 maggio, il Circolo di Rifondazione del centro storico Franco Prevosti ha volantinato sugli autobus una proposta reale, per il biglietto gratuito.

Sono stati dati in un pomeriggio più di 500 volantini, riscuotendo l’attenzione di utenti ed autisti. La proposta del circolo, che è stata assunta da tutta la federazione di Genova, spiega con chiarezza e calcoli alla mano che il trasporto pubblico non deve essere privatizzato e che i costi possono essere suddivisi in base alle fasce di reddito.

“Chiediamo una tassa di scopo progressiva per ripianare il debito AMT e proponiamo di rendere il servizio gratuito ricavando l’entroito di 62 milioni di euro dei biglietti attraverso una tariffa mensile a carico di tutti i contribuenti. Facendo i calcoli sarebbe sufficiente un contributo medio di 13 euro mensili che potrebbe essere suddiviso attraverso una esenzione totale per i redditi inferiori a 15 mila euro, contributo di 15 euro per i redditi fino a 26 mila euro, contributo di 20 euro per i redditi superiori – si legge nel volantino –  Sarebbero comunque cifre di molto inferiori al prezzo dell’abbonamento attuale (43 euro). In tutta Europa grandi città stanno sperimentando il trasporto pubblico gratuito. A Genova le giunte di centrosinistra e il PD continuano a proporre aumenti, tagli e privatizzazioni”.