Quantcast
Sport

Vela, Yacht Club Italiano: parte da Genova il Gran Premio d’Italia per Mini 6.50

vela Gp mini 6.50 Yacht Club Italiano

Genova. Prende il via sabato dalle banchine dello Yacht Club Italiano a Genova la settima edizione del Gran Premio d’Italia riservato alla classe Mini 6.50: sono 29 le barche iscritte. La regata è ormai diventata una classica del Mediterraneo che richiama velisti provenienti da tutto il mondo. Quest’anno le nazioni rappresentate sono: Australia, Spagna, Svizzera, Gran Bretagna, Francia, Germania, Stati Uniti e Italia. La partenza è in programma alle 12.

Il Mini 6.50. Lunga 6 metri e 50, questa barca richiede grande esperienza ed abilità: alcuni dei più grandi velisti del mondo hanno mosso i primi passi a bordo di un Mini. Molte soluzioni tecniche (per esempio le chiglie basculanti) e materiali all’avanguardia sono nati proprio su questi piccoli bolidi per essere poi adottati su barche più grandi.

La regata e il percorso. Il Gran Premio Mini 6.50 è nato nel 2006 per volontà della Classe Mini e dello Yacht Club Italiano. Principale regata d’altura italiana dedicata alla classe, ha riscosso negli anni un successo sempre maggiore, perchè porta i partecipanti ad affrontare le condizioni più varie, dalle lunghe navigazioni d’altura a quelle più tecniche tra le isole dell’arcipelago toscano. Il percorso, lungo 530 miglia, si snoda sulla rotta Genova – Isola della Capraia – Caletta – Giannutri – Genova. L’arrivo a Genova è previsto circa 5 giorni dopo la partenza, a seconda delle condizioni meteo, mentre la premiazione si terrà sabato 20 alle 13. L’andamento della regata può essere seguito in tempo reale agli indirizzi www.yci.it o www.gpi-mini650.com.

Gli iscritti. 29 le imbarcazioni iscritte, suddivise nelle categorie Serie e Proto. Occhi puntati sull’equipaggio portacolori dello Yacht Club Italiano, composto da Alberto Bona e Piero Platone a bordo di Big Jim. La storia di Alberto Bona, classe 1986, comincia nel 2006 quando poco più che ventenne compie la traversata da La Spezia alla Corsica su una barca lunga solo 2 metri che aveva costruito nel suo garage. Dopo ottimi risultati nelle regate d’altura si dedica alla vela in solitario. Nel 2012 è Campione Italiano Mini 6.50 e vince la Mini Barcelona. Oggi si sta preparando per la Mini Transat.

A dargli filo da torcere ci saranno i vincitori della scorsa edizione del GP Mini 6.50, i francesi Pascal Braud e Clément Segard su 13 Au Large, il conosciutissimo velista e progettista francese Sam Manuard che regaterà a bordo di Tip Top Too con lo spagnolo Carlos Lizancos, il velista italiano – vincitore della Around Islands Race 2012 – Andrea Pendibene su Marina Militare, Andrea Iacopini e Tommaso Stella con Umpa Lumpa e Stefano Paltrinieri e Gianluca Gelmini su Exing 99.

Il Mini 6.50: una barca per veri marinai. 8 ottobre 1977: ventiquattro barche a vela di 6,50 metri di lunghezza lasciano Penzance in Inghilterra e con un solo uomo a bordo fanno rotta verso Antigua via
Ténérife alle Canarie. Nasce quel giorno la Minitransat, una regata oceanica per piccole imbarcazioni dalle grandi ambizioni. Per oltre quindici anni i «mini» parlano quasi esclusivamente francese ma la volontà e il coraggio di pochi marinai italiani tra i quali Andrea Romanelli, Ernesto Moresino e Ettore Dottori fa nascere e diffondere anche in Italia l’interesse per questo modo di vivere l’oceano.

Nel marzo 1994 viene costituita la Classe Mini 6.50 Italia: da allora la «minimania» si diffonde inarrestabile. La Classe, gli skipper i progettisti, l’intero mondo Minitransat italiano cresce e guadagna riconoscimenti, stima e fiducia. In pochi anni di duro lavoro i mini vengono prima accettati alle regate di altura nazionali, poi invitati e oggi sono il raggruppamento di Classe più numeroso che sistematicamente partecipa alle principali regate lunghe nel Mediterraneo.