Quantcast
Cronaca

Un “emp jammer” per “vincere” ai videopoker: 23enne denunciato a Genova

Genova. Citando una nota pubblicità, gli piaceva “vincere facile”. Tra videopoker e apparecchiature che sembrano uscite da un film di spionaggio, il fatto di cronaca che arriva da Genova lascia a bocca aperta.

E’ la storia di un operaio romeno di 23 anni che, tramite una scarica elettrica, mandava in tilt videopoker e macchinette cambiasoldi riuscendo a far scendere tutte le monete che avevano all’interno.

Il 23enne aveva così messo in atto un vero e proprio saccheggio quotidiano tra i bar e le sale da gioco cittadine.

Il “magico” apparecchio si chiama “Emp Jammer” e consiste in un dispositivo che, grazie ad un sistema di batterie, resetta e mette fuori uso tutti i dispositivi elettronici a cui viene collegato.

Un trucco scoperto dai carabinieri della stazione di Portoria, che hanno notato l’atteggiamento sospetto del romeno in un bar e lo hanno controllato in piazza della Vittoria. Nelle tasche aveva il Jammer e un tetrapack dove raccoglieva le monete.

Tante, a giudicare dal bottino raccolto solamente nell’ultimo bar: quasi cinquanta euro. Per lui, che ha ammesso tutto e ha detto di aver acquistato il congegno fa un rivenditore cinese, è scattata la denuncia per truffa e furto. Il Jammer è stato sequestrato e inviato ai laboratori dell’Arma per alcune analisi.