Quantcast
Sport

Serie A3: la Wideurope Nba-Zena a Moncalieri in gara-2 cerca il pass per la finale play-off. Ancora incerto il recupero di Algeri

Nba Zena Basket

Genova. Dopo la convincente vittoria in gara-1, in un PalaDonBosco colmo e “caldo” come non mai, la Wideurope NBA-Zena si avvicina a gara-2 (Moncalieri, sabato 27, ore 20:30) con la consapevolezza di essere all’altezza delle avversarie e con la serenità dell’eventuale gara-3 tra le mura amiche.

Va da sé che sarebbe molto meglio chiudere subito il play-off di semifinale ed evitare le insidie di una gara “secca” ma è altrettanto piena la consapevolezza del valore delle avversarie che per oltre metà campionato hanno sopravanzato le genovesi in classifica, che hanno operato il sorpasso in virtù di una seconda parte assolutamente incredibile in cui le piemontesi hanno subito una netta flessione.

Compresi gli impegni già assolti nei play-off le ragazze di Pansolin hanno vinto 13 delle ultime 15 partite, in cui hanno perso unicamente a Sesto San Giovanni con il Geas (già salito in A2) ed in casa (però al PalaCus), con la Pall. Torino (con un canestro subìto all’ultimo secondo), squadra favorita per la finale play-off nell’altra parte del tabellone.

Nello stesso periodo Moncalieri ha disputato 16 incontri, vincendone 7. Evidente, quindi, il diverso trend delle due squadre da Natale ad oggi, ma i play-off, si sa, sfuggono ad ogni regola, e quello, importante, messo sabato scorso dalle genovesi, è solo il primo tassello di una serie ancora tutta da scrivere.

Lo sa perfettamente coach Pansolin: “Più passano le partite più aumenta l’importanza della posta in palio, più aumentano gli acciacchi e la stanchezza che vengono ovviamente cancellate dalle motivazioni. L’ambiente prima di gara-2 di semifinale è proprio questo: forti motivazioni e voglia matta di giocare questa partita che potrebbe schiuderci le porte della finale ma con la consapevolezza che sarà durissima e che comunque ci siamo meritati il paracadute di gara-3 nella peggiore delle ipotesi. Purtroppo a oggi non possiamo ancora sciogliere la riserva su Algeri, sul cui utilizzo probabilmente decideremo in extremis”.

E per quantificare l’importanza della diciannovenne giocatrice, alla sua prima stagione a Genova, basta lasciare spazio alle cifre: 24 minuti a partita, con 7 punti (64/128 da due, esattamente il 50%) e 7 rimbalzi di media (2,7 offensivi e 4,3 difensivi) con una valutazione media che sfiora quota 10 punti, in grado quindi di dare ulteriore sostanza ad una squadra che può contare sull’eccellenza di giocatrici esperte quali De Scalzi (top scorer dell’intera A3, con oltre 20 punti/partita), Cerretti (top assist, oltre 4/partita) e Belfiore (nella top-ten tra le rimbalziste).

In gara-1 coach Pansolin, temendo problemi di falli per Belfiore e considerati gli infortuni che hanno selettivamente colpito il reparto lunghe, ha precettato Giorato, che ha abbandonato l’attività al termine della scorsa stagione pur continuando ad allenarsi (di tanto in tanto) con le sue ex-compagne. La posta in palio, a questo punto, è però altissima, e tutto il team rosanero spera di poter affrontare queste partite decisive con l’organico il più completo possibile.

Più informazioni