Quantcast

Sampdoria-Palermo: le nostre pagelle

mauro icardi

La peggior Sampdoria dell’era Delio Rossi inciampa su un Palermo affamato di punti e capace di imporsi 3-1 al Ferraris. Contro i rosanero non si salva nessuno. E domenica prossima c’è il derby, i tifosi si aspettano tutto un altro Doria.

Romero 5: punizione di Miccoli al 35’, l’argentino battezza il pallone sul fondo. E lì finirebbe se non ci fosse Von Bergen alle sue spalle; l’ex genoano ringrazia e fa 1-0. Qualche minuto prima una bella parata su Miccoli. Nel secondo tempo altri due palloni da recuperare dalla rete. Stordito.

Gastaldello 5: un primo tempo senza sbavature poi, come il resto della squadra, non riesce ad arginare la furia agonistica degli attaccanti rosanero. Ilicic e Miccoli fanno quello che vogliono. Esce per infortunio. Spento. Dal 19’st Mustafi sv: quando entra lui il Palermo decide che del 3-1 ci si può accontentare. Comparsa.

Palombo 4,5: i nuovi compiti tattici lo portano a non superare mai la metà campo; prova quindi a impostare direttamente dall’aria di rigore blucerchiata. Giornata opaca in chiave difensiva, per gli avversari berselo è un gioco da ragazzi. Scarico.

Costa 5: un primo tempo super, in fase difensiva e di spinta. Cala vistosamente nel secondo tempo quando perde di vista avversari e palloni. Agrodolce.

De Silvestri 5: corre, su questo non ci sono dubbi. A tanto impegno atletico non corrispondono però cross e intuizioni degne di note. Garcia si rivela un osso più duro del previsto. Domato.

Munari 5,5: ha perso il posto da titolare ma quando gli ricapita di giocare dal 1’ mette in campo tutto quello che ha. Grinta, corsa e gamba. E ci mette pure la testa, quella che spinge in rete il pallone dell’1-1. Poca benzina però, nel secondo tempo è un altro giocatore, sembra una controfigura. Due-facce.

Obiang 4: se è il peggiore in campo vuol dire che butta davvero male. I centrocampisti rosanero sono assatanati e non concedono nulla allo spagnolo che fatica come un matto nell’impostare le azioni blucerchiate. Accerchiato.

Soriano 4,5: delle giovani promesse blucerchiate è quella che proprio non riesce a sbocciare. Gioca poco è vero, ma ogni volta che gli vengono concessi minuti non li sfrutta. Col pallone tra i piedi non sa mai cosa fare. Bloccato. Dal 12’st Sansone 5: entrare sul 3-1 a favore degli avversari non aiuta mai un attaccante, di spazi proprio non se ne trovano. Murato.

Estigarribia 4: quando Marotta vede partite come questa non rimpiange il mancato riscatto del paraguaiano. Impacciato. Dal 26’st Maresca 5: entra a giochi ormai fatti, si adegua alla rassegnazione dei compagni. Mollo.

Eder 4: nemmeno un tiro in 90’ minuti. I centrocampisti non si inseriscono, Von Bergen e Aronica picchiano. Prova a sfruttare la velocità ma non gli dice bene nemmeno così. Braccato.

Icardi 4,5: giusto un paio di colpi di testa per ricordare a Benussi di essere in campo. Il golden boy argentino non ne imbrocca una. Alla sua età è e legittimo, specialmente se i compagni non ti fanno arrivare i palloni. Impalpabile.