Quantcast
Cronaca

Rapallo, sul marciapiede di via Mameli si moltiplicano le segnalazioni. La Pulce: “E’ pericoloso”

Rapallo. “Non è accettabile mantenere in tali condizioni uno dei marciapiedi più utilizzati della città, lungo la principale strada che da S. Anna porta al centro”. Il circolo della Pulce, facendosi portavoce delle molte segnalazioni degli abitanti della zona, ha segnalato a sindaco giunta e consiglio comunale di Rapallo lo stato in cui versa il marciapiede di via Mameli posto in corrispondenza del cantiere dei box e della nuova chiesa.


”La maggior parte delle piastrelle di gres è staccata e oltre alle ampie mancanze ben visibili vi è il pericolo costituito da quelle parti instabili ma ancora al loro posto – spiega in una nota La Pulce – L’intervento dovrebbe consistere nella rimozione di tutte le piastrelle e nella gettata di uno strato di cemento lisciato in modo da avere una finitura agibile e sicura provvisoria in attesa del termine dei lavori e del rifacimento completo del marciapiede”. Nell’ambito del progetto del nuovo edificio di culto dovrebbe essere rifatto, inglobato in un nuovo e più ampio spazio pedonale.


Sebbene la pavimentazione esistente risalga a molti anni fa il forte degrado attuale è stato accelerato nell’ultimo periodo. “Non ci dispiacerebbe quindi che il Comune appurasse le cause e facesse, se ci sono, intervenire i responsabili, non spendendo così fondi pubblici che potranno essere indirizzati verso altri interventi non provvisori”, suggerisce il circolo.

Connesso allo stato del marciapiede risulta anche un altro problema: le caditoie per l’acqua piovana poste sul bordo di detto marciapiede “sono evidentemente tappate e bastano poche gocce d’acqua per far allagare un’ampia porzione di via Mameli, in corrispondenza dei parcheggi e dei cassonetti della spazzatura. La foto allegata è scattata in un giorno in cui era piovuto non intensamente ed aveva smesso da diverse ore. Una volta asciugata l’acqua rimane uno spesso strato di fanghiglia che con l’arrivo della stagione calda non potrà che essere fonte di odore e di insetti. Anche in questo caso chiediamo un intervento provvisorio ma urgente, previa verifica delle responsabilità”, conclude la Pulce.