Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rapallo, Cerchi (Pd): “L’amministrazione non riesce a spendere mezzo milione di euro, che vanno persi”

Rapallo. “553.000 euro ‘persi’ per l’incapacità di spenderli. Sembra un paradosso ma è una realtà tutta italiana che porta il nostro Paese a perdere i soldi che ci trasferisce l’Europa per finanziare vari progetti e che prontamente si riprende per destinarli ad altro visto che noi italiani ‘marmelliamo’ senza concludere”. Questa la denuncia del consigliere Antonella Cerchi, capogruppo “Il Centrosinistra di Rapallo-Pd”.

La capogruppo spiega che tutto ciò succede anche a Rapallo. “In tempi di ristrettezza, di spending review citata sbrodolando per ogni cosa, l’Amministrazione Costa non è stata capace di spendere ben, ripetiamo, ben 553.000 Euro. Difficile, certo, mettere in atto processo, progettazione, ed esecuzione di opere importanti in sette mesi ma è anche vero che una qualsiasi persona di buon senso saprebbe investire questo mezzo milione di euro in opere semplici di immediata attuazione fino al completo esaurimento dei fondi citati”.

“Eppure si fa slalom tra le buche, si scrivono fiumi sulle barriere architettoniche (vedere ancora alle Nagge) 553.000 euro di soldi dei cittadini che ora andranno a rimanere bloccati ed inservibili, ammucchiandosi agli altri che non sono riusciti a spendere nelle passate amministrazioni con i risultati della Rapallo che conosciamo – continua – Eppure questa doveva essere l’amministrazione del cambiamento! Alcuni membri di questa maggioranza hanno fatto la propria fortuna politica con interventi televisivi monopolizzati dal problema buche; si pensava che avremmo avuto le strade come tavole da biliardo”.

“Forse il cambiamento, la novità, sta tutta nel Presidente del Consiglio , padre e fautore di questa coalizione creata a Genova, degli accordi tra provenienze diverse, che oggi sembra essere indeciso tra essere in maggioranza o minoranza. Il Presidente del Consiglio che ricorre alla Corte dei Conti continuando, quindi, come se avesse di fronte ancora Campodonico e non la sua squadra”.

“Senza nulla togliere alle ragioni della protesta di Capurro – anche se appare mancare un quadro completo delle responsabilità e soprattutto di assunzione di responsabilità che sappiamo non essere solo imputabili ad una ripartizione, ad un unico ufficio e che non annullano responsabilità politiche e di controllo di organi a questo preposti, ci si domanda perché non lavori all’interno, perché questa maggioranza non si avvalga delle sue competenze, perché non si dica alla città cosa sta succedendo dentro il palazzo – conclude Cerchi – Il Sindaco Costa e la sua giunta dovrebbero chiedere scusa a Rapallo (altri primi cittadini hanno avuto il coraggio di farlo) per non essere riusciti a concretizzare con mezzo milione di euro lavori che l’avrebbero migliorata e resa più sicura, dovrebbero dire se il Presidente Capurro è con loro o contro di loro, se lo considerano ancora in maggioranza o un “guastatore politico interno. Insomma Sindaco Costa ci dica, per favore!”.