Quantcast

Rapallo, arredo urbano degradato. Il Gabbiano: “Serve assessorato ad hoc”

chiosco della musica rapallo

Rapallo. “Una città turistica, che si ritenga tale, non può prescindere da una accuratissima pulizia e dall’arredo urbano”.

L’associazione “Il Gabbiano” attacca a testa bassa l’amministrazione comunale: “Sembra incredibile ma questa semplice e scontata enunciazione purtroppo a Rapallo, negli ultimi dieci anni, non ha mai trovato riscontro nei politici che hanno gestito la città”.

“Il degrado si è esteso troppo a Rapallo e quindi va affrontato risanando ed abbellendo a macchia d’olio partendo da una zona e non lesinando nella qualità. Il Sindaco attuale ha enunciato di voler far diventare Rapallo nientemeno che fantasmagorica”.

“Bene – continua l’associazione – questa è la richiesta del Gabbiano: partendo dalle sue parole signor Sindaco questa è l’occasione giusta per investire nell’arredo urbano creando un Assessorato ad hoc che non si occupi d’altro”.

“Su questo siamo disposti a collaborare fattivamente con l’Amministrazione Comunale, purché, oltre all’interesse per il problema, deve essere chiaro che, su questo tema, non si possono fare nozze con i fichi secchi”.