Quantcast
Cronaca

Manutenzione, maxi ricorso contro Aster: “Agisce in regime di monopolio”

protesta aster

Genova. Un maxi ricorso alla Commissione Europea, alla Corte dei Conti della Liguria, al Garante della Concorrenza e all’Autorità per la Vigilanza dei Contratti Pubblici è stato annunciato oggi da parte di Confindustria Genova, Ance e Confagricoltura contro l’azienda del Comune Aster, la società alla quale il Comune assegna i servizi territoriali.

Secondo i ricorrenti, Aster agisce in regime di monopolio, senza che vengano indette regolari gare d’appalto per i servizi di manutenzione (verde pubblico, illuminazione, strada comunali). Quei servizi, che valgono una quota di mercato pari a 25 milioni di euro, vengono assegnati dal Comune in modo diretto, e questo viola il regime di libera concorrenza.

Per le associazioni imprenditoriali è illegittimo che il Comune preveda l’affidamento senza gara alla società “in house” per la manutenzione delle strade, l’illuminazione pubblica, gli impianti elettrici, semaforici e tecnologici.

In questo modo esclude le imprese genovesi, azzera la concorrenza, e provoca un conseguente aggravio dei costi per le casse comunali.

“L’affidamento senza gara – spiegano i presidenti delle tre associazioni – è un’eccezione prevista solo a due condizioni: la mancanza di soggetti in grado di svolgere le medesime attività, e il ragionevole risparmio economico. Nel caso del Comune di Genova nessuna di queste due condizioni sussiste e, se il Comune aprisse alla libera concorrenza si potrebbe arrivare ad un risparmio del 15%, stimato in circa 3 milioni e 750 mila Euro l’anno”.

Con il ricorso all’Antitrust, le associazioni intendono aprire un percorso condiviso con il Comune che tenga conto anche del problema occupazionale. “Per noi – precisano la associazioni – i dipendenti e i dirigenti di Aster, circa 400, hanno pari dignità e importanza rispetto a quelli delle nostre imprese. Meritano di essere messi in condizione di operare con efficienza. Ma senza danneggiare il sistema delle imprese private”.