Quantcast

Iit, il robot bambino adesso ha la pelle: organo di senso hi-tech per il piccolo iCub

robot merkel IIT

Genova. Il robot costruito in Italia che cresce e impara come un bambino adesso ha una pelle che, come quella umana, funziona come un vero e proprio organo di senso.

Il piccolo iCub nato nell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) a Genova ha fatto così un nuovo passo in avanti nella sua capacità di esplorare il mondo. Lo ha detto uno dei suoi papà, Giulio Sandini, dell’Iit, nel convegno sulle
Nanoscienze organizzato oggi a Roma, presso l’universita’ Sapienza, dalla Fondazione Veronesi per il progresso delle
scienze.

“Adesso iCub ha una pelle artificiale che da’ la sensazione del tatto”, ha detto Sandini. La pelle può essere colorata e finora ne sono state sperimentate piu’ versioni: in bianco, nero, rosso, giallo e blu. “Non c’è una regola: abbiamo scelto il colore del robot come si sceglierebbe la carrozzeria di un’automobile”. Per Sandini “e’ ancora una soluzione basata sulle tecnologie attuali, ossia con sensori simili a quelli che si trovano sugli schermi dei telefonini. Abbiamo trasformato queste tecnologie per fare coperture soffici e flessibili”. I sensori sono rivestiti con un materiale simile al silicone e quindi con un altro materiale resistente ai colpi.

Questo e’ solo il primo passo: sempre in Italia, l’Iit sta esplorando in collaborazione con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) la possibilita’ di dare a iCub una pelle del tutto innovativa: “sara’ basata su un’elettronica flessibile, che permetta di installare dei transistor in un materiale flessibile”. Il progetto e’ appena agli inizi e per dare al robot la sua nuova pelle hi-tech saranno necessari cinque o sei anni.

Più informazioni
leggi anche
icub robot umanoide iit
Prima edizione
Gizmark, il futuro: dalla versione low cost di iCub a Game Happens