Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa-Sampdoria: le pagelle dei blucerchiati

L’espulsione di Costa cambia le sorti del match e regala ai cugini 15′ di superiorità numerica. Il gol di Eder viene rimontato dalla prodezza di Matuzalem. Partita combattuta, poco spettacolare. Il pari accontenta tutti e nessuno.

Romero 5: vero che fino al 34’ della ripresa non deve parere nulla ma farsi sorprendere da un tiro-cross di Matuzalem dalla distanza non è errore degno del portiere della nazionale argentina. Abbagliato.

Gastaldello 6,5: gli attaccanti del Genoa non gli creano alcun affanno. Clamoroso il salvataggio sulla linea sull’unica incornata di Borriello. Il gol di Matuzalem gli toglie la gioia di vincere due derby su due con la fascia da capitano. Leader.

Palombo 6,5: contro Borriello si esalta nella sua nuova veste di difensore. Dalle sue parti non si passa ed è sempre pronto a far ripartire l’azione. Muro.

Costa 6: del terzetto che agisce davanti a Romero è quello che più incanta, almeno fino al rosso che gli viene sventolato in faccia. Rimedia un giallo, poi il secondo: entrambi ingenui. Lascia la squadra in 10 a 15’ dalla fine. Colpevole.

De Silvestri 6,5: sfida Moretti, Antonelli e nel secondo tempo anche Vargas. Ha fiato e gambe per giocarsela con tutti. Spinge come un dannato, ripiega ogni volta che serve. Stacanovista.

Obiang 6: l’infortunio di Krsticic lo costringe a muoversi da regista. Non incanta ma recupera tanti palloni che cerca di smistare con lucidità e sapienza; e quando gli avversari non ti lasciano ragionare non è facile. Maturo.

Krsticic sv: un paio di dribbling e altrettanti passaggi. Dimostra personalità ma l’entrata killer di Matuzalem lo mette ko. Abbattuto. Dal 16’ Munari 6: entra a freddo ma le gambe non gli tremano nemmeno quando c’è da giocare il derby. Bello lo scontro-confronto con Kucka. Lottatore.

Poli 6: sperava di bissare il gol dell’andata ma per questa stagione dovrà accontentarsi. Grinta e attributi non gli mancano, sono queste le partite che gli piace giocare, quello che lo esaltano. Propositivo.

Estigarribia 5: argina Pisano nel primo tempo ma per guadagnarsi almeno un 6 deva fare molto molto di più. Sempre per terra, sbaglia tanti appoggi, i cross sono imprecisi. Nel secondo tempo viene sacrificato senza troppi rimpianti per rimpiazzare Costa espulso. Comparsa. Dal 35’st Mustafi 6: fa quello che deve, gli assalti del Genoa si scontrano contro la sua tenacia. Frangiflutti.

Eder 7: in una partita normale non meriterebbe più di 6 ma quando si segna nel derby della Lanterna il voto aumenta. La sua punizione (palo-gol) regala il momentaneo vantaggio alla Sampdoria e il boato alla Sud. Poco altro nella sua partita, quanto basta per portare a casa almeno un punto. Castigatore. Dal 6’st Sansone 6: entra quando il Genoa comincia a pressare. Tenta qualche sgaloppata, cerca di far prendere fiato ai compagni di difesa e centrocampo. Generoso.

Icardi 5,5: si guadagna una punizione che vale oro, quella che consente a Eder di portare avanti il Doria. La difesa rossoblù gli consente poco e nulla, fatica nel premiare gli inserimenti dei compagni. Si ritrova spesso a terra, non riesce mai a spaventare Frey. Opaco.