Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Festa della Liberazione: il 25 Aprile a Genova e provincia

Più informazioni su

Genova. Un pellegrinaggio alle pietre della memoria, cippi, lapidi, monumenti, dei caduti per la Libertà. Ai martiri della Resistenza la Provincia di Genova rende omaggio con deposizioni di corone d’alloro alle testimonianze che sul territorio, dalla valle Stura alla val Polcevera, nella VI Zona Partigiana fra alta val Bisagno, val Trebbia e val d’Aveto e dall’entroterra alla costa del Levante, segnano i luoghi dove molti uomini della Resistenza sacrificarono la vita e dove le rappresaglie nazifasciste devastarono interi borghi e paesi saccheggiando case, torturando, deportando o uccidendo gli abitanti.

Per fare qualche esempio: i monumenti e alle lapidi dedicati ad Aldo Gastaldi, il comandante “Bisagno” a Cichero, Fascia, Rovegno, Chiavari e a Torriglia dove nel 1944 nacque quella ‘repubblica’ modello per le future nuove istituzioni libere.

Nel Levante altre cerimonie si terranno, a Camogli, Santa Margherita Ligure, Chiavari e Calvari di San Colombano Certenoli sede dell’unico campo di concentramento del territorio e tristemente nota anche per l’eccidio di dieci partigiani morti al grido “Viva Bisagno! Viva l’Italia”.

Santa Margherita ad esempio dedica alla Divisione Acqui il 70° anniversario dell’inizio della Resistenza contro il nazifascismo, con l’orazione di Maria Grazia Barbagelata, commissario straordinario della sezione genovese dell’associazione nazionale “divisione Acqui”,
La celebrazione avrà il via alle 8. 30 con la deposizione di fiori sulla tomba di Berto Solimano nel Cimitero Urbano,sulle Lapidi ai Caduti nei pressi della Chiesa di Nozarego e al Parco Carmagnola. Dopo le altre deposizioni a San Lorenzo della Costa e alla Chiesa di San Siro, alle 9.25 Autorità civili e militari, ANPI, Reduci, Associazioni combattentistiche, Mutilati e invalidi, Famiglie dei Caduti, Nastro Azzurro, banda cittadina, scolaresche e tutti coloro che vorranno partecipare si riuniranno in Piazza Mazzini per la partenza del tradizionale Corteo, che terminerà alle 10.00 davanti alla Basilica di Santa Margherita per la Santa Messa. Alle 11.10 l’orazione ufficiale, che si svolgerà nell’atrio del palazzo comunale.

A Lavagna, dove nacquero la divisione “Cichero” e la formazione “Coduri”, la memoria della Resistenza quest’anno si celebra anche, il 24 aprile, con la medaglia d’argento al valor civile conferita alla città dal Ministero dell’Interno per il forte sostegno alla lotta di Liberazione che, si legge nella motivazione, “la popolazione seppe affrontare con coraggio e solidarietà”.

Ricco di appuntamenti il 25 Aprile di Sestri Levante. Si inizia il 24 alle 9 con la deposizione delle corone commemorative sul territorio comunale. Ore 10.30 Aula Magna IIS Natta Deambrosis, Premiazione degli elaborati degli studenti dell’I.I.S. Natta e dell’Istituto Comprensivo. Al termine deposizione fiori presso il Monumento al partigiano “Virgola”. Ore 20.45 Fiaccolata per le vie cittadine. Raduno in Piazza Matteotti, conclusione in Piazza Pertini.

Tra le molte cerimonie del Genovesato in valle Stura sarà deposta una corona al cippo di Tiglieto dedicato al partigiano russo Iakovic Gorev “Luca”, simbolo della partecipazione di combattenti dell’Europa dell’est alla lotta di liberazione. Al Romitorio di Masone sarà reso omaggio ai 59 martiri del Turchino, ferocemente massacrati dai nazifascisti il 19 maggio 1944 mentre venivano obbligati a camminare su un asse sospeso sulla grande fossa che un gruppo di detenuti ebrei di Marassi era stato costretto a scavare. A Rossiglione si ricordano invece le distruzioni subite dal borgo a causa della sua importanza di crocevia strategico fra Liguria, Piemonte e Lombardia, con pesanti attacchi nazifascisti da terra e degli aerei inglesi e americani.

A Genova la cerimonia istituzionale del 25 aprile si aprirà al cimitero di Staglieno dalle 8 con le deposizioni delle corone al Campo israelitico, al monumento dedicato agli Internati e Deportati nei lager nazisti, al Campo Trento e Trieste e al Campo dei Caduti Partigiani seguita dalla messa in suffragio e proseguirà alle 10 con la formazione
del corteo in piazza della Vittoria per raggiungere il sacrario dei Caduti Partigiani al Ponte Monumentale con deposizione delle corone e lettura dell’atto di resa tedesca al CLN e della motivazione della medaglia d’oro al valor militare alla Città di Genova.

Il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando parteciperà a partire dalle ore 10.30, alla cerimonia degli Onori militari ai Caduti e alla deposizione di corone presso il ponte Monumentale. Successivamente Burlando prenderà parte al corteo per il 68°anniversario della Liberazione che si concluderà in piazza Matteotti con gli interventi istituzionali.

In occasione delle celebrazioni del 25 aprile la sezione genovese del Movimento Federalista Europeo ricorda che verrà posta una corona presso la targa di Luciano Bolis, eroe della resistenza e patriota europeo, e quella di Sandro Pertini, situate nei portici dell’Accademia in Piazza De Ferrari a Genova.

Anche il Comitato No Tav Terzo Valico San Quirico e Pontedecimo dà appuntamento dalle ore 15:00, dietro il Mercato dei Fiori, “per un momento di convivialità e denuncia per quest’ennesimo scempio che colpisce la Valpolcevera”.

Arci Liguria promuove, in collaborazione con UCCA (Unione Circoli Cinematografici Arci), Ass. SpA Politiche di donne, Genova Liguria Film Commission e Arci Genova e con il patrocinio del Comune di Genova, un ciclo di tre proiezioni dal titolo “Luciana, Bruno e Pietro. Cittadini”.

Domani comincia anche il “Maggio dei Parchi”, un invito a scoprire il ricco patrimonio ambientale ligure, l’altra Liguria, quella delle montagne degli Appennini e delle Alpi a un passo dal mare, nel’arco da Ventimiglia a Sarzana.

Terminate le celebrazioni per la festa della Liberazione, il 25 aprile è anche l’occasione per sagre e appuntamenti gastronomici. A Ferrada di Moconesi c’è la Fiera di San Marco, con stand di merce varia e bestiame, mentre a San Colombano Certenoli c’è la Sagra della Porchetta e a Leivi la Mangialonga, la passeggiata su un percorso di 10 chilometri a tappe, con degustazione di prodotti tipici (partenza ore 10 da San Bartolomeo, prezzo 20 euro, gratis per i bambini sotto i 5 anni. Prenotazione obbligatoria al numero 0185/319058). Torna anche la sagra con Fave e Salame di Sant’Olcese.

A Rapallo c’è la Fiera dell’agricoltura e del bestiame, a Santa Maria. Ma gli appuntamenti proseguono anche nei giorni successivi, per tutto il periodo del ponte. A Zoagli, il 27 e il 28 ci sono i Mercatini di Primavera, con artisti, artigiani e agricoltori. A Lorsica, il 27, 28 e 29, va in scena la Festa di Santa Caterina, con gastronomia, balli e spettacolo pirotecnico.

Inoltre in occasione del ponte del 25 aprile, a Genova apertura straordinaria di Palazzo Nicolosio Lomellino e Palazzo Angelo Giovanni Spinola. Sono aperti eccezionalmente anche i Musei civici. In zona Porto Antico aperti anche Acquario e la mostra Brain al Wow Genova Science Center.