Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Derby, botte, ammonizioni, espulsi, pari e patta: Genoa-Samp finisce 1 a 1 foto

Genova. Genoa-Sampdoria comincia nella solita atmosfera da brividi. Davide Ballardini sceglie Frey, Granqvist, Portanova, Manfredini, Pisano, Kucka, Matuzalem, Antonelli, Moretti; Borriello e Immobile le punte.
Delio Rossi risponde con Romero, Gastaldello, Palombo, Costa, De Silvestri, Obiang, Krsticic, Poli, Estigarribia; Eder, Icardi.

Calcio d’inizio per la Sampdoria che cominca provando a fare la partita.

Il primo affondo della partita arriva per una fiammata di Eder che guardagna il fondo ma non trova nessuno in area che possa spingere verso la porta il suo cross. La Sampdoria tiene palla il Genoa prova a ripartire.

All’8′ spiovente da sinistra, raccoglie Ciro Immobile, scarico per Kucka: tiro alto sul fondo. Un minuto dopo già scintille da derby: Poli e Moretti richiamati dall’arbitro. Al 10′ percussione di De Silvestri che non riesce ad arrivare al tiro, palla che arriva a Estigaribbia, brutto cross.

Nessuna occasione vera, ma partita ben vivace oltre che agguerrita: all’11’ bruto fallo di Matuzalem su Kristicic, ammonito il rossoblù. Kristicic costretto a uscire dal campo sostituito da Munari. Perde un importante elemento del centrocampo la Sampdoria.

La partita si innervosisce ulteriormente. L’intensità e altra ma le occasioni continuano a latitare. Al 25′ Kucka atterra Icardi al limite dell’area. Punizione dai 25 metri, si incarica della battuta Eder: tiro a sfilare sotto la barriera che salta, palo interno e gol.

Il Genoa sembra accusare il colpo. La Sampdoria gioca più sciolta sia in fase di possesso sia in fase di ripiego. Il Genoa si rintana dietro la palla per provare poi a far ripartire Borriello e Immobile. Al 38′ spiovente dalla destra di Kucka, sfiora Portanova, che colpisce però in fuorigioco.

Il primo tempo si chiude con il vantaggio della Sampdoria.

Il Genoa ricomincia con Vargas al posto di Pisano. La partita si blocca a centrocampo con Obiang che fa valere la sua prestanza fisica e atletica a centrocampo, e il Genoa che allarga il gioco cercando di attivare Vargas.

Al 6’ Borriello si gira e tira dal limite dell’area ma con poca efficacia. Delio Rossi è costretto a cambiare l’altra punta ancora per infortunio: esce Eder entra Sansone.

Il Genoa preme, scaramucce in area tra Costa e Granqvist: ammonizione per entrambi. Al 15′ seconda sostituzione per il Genoa: dentro Floro Flores al posti dell’evanescente Immobile.

Al 21’ palla di Kucka per Floro Flores che non trova il tempo giusto per girarsi, esce Romero. Per il Genoa solo calcio d’angolo per la Samp. La Samp non perde però occasioni di creare grattacapi alla difesa rossoblù: bella invenzione di Obiang, ma Sansone non ne approfitta.

Al 25′ l’occasione più importante del Genoa, da calcio d’angolo, palla che rimbalza all’altezza del dischetto di rigore, diagonale di Kucka che è murato dalla selva di gambe degli uomini che occupano l’area. I blucerchiati soffrono ma riescono a ribattere colpo su colpo.

30′ punizione a limite per il Genoa, qualche metro dietro rispetto a quella vincente di Eder. Floro Flores prova come il brasiliano sotto la barriera, ma conquista solo un calcio d’angolo.

Al 32′ Costa entra in maniera scomposta su Floro Flores e si becca la seconda ammonizione. Sampdoria in dieci e punizione per il Genoa. Ci prova Vargas che spreca.

Un giro di lancette e Matuzalem inventa una pallonetto imprendibile per Romero che molto probabilmente pensava al cross: 1 a 1. Ballardini crede nel completamento della rimonta: fuori Moretti dentro Rigoni. Delio Rossi si copre e mette dentro Mustafi mentre

A 5 minuti della fine scoppia un rissa per uno scontro tra De Silvestre e Vargas. A questo punto i numeri della partita parlano di 7 ammoniti, Costa espulso con Fabrizio Preziosi allontanato dalla panchina.

Al 43′ è Borriello a trovare l’incrocio giusto di testa, sbroglia Gastaldello. Sampdoria in affanno. Un giro di lancette e ci prova Kucka da cross di Matuzalem.

Da lì alla fine ancora qualche colpo proibito, ma nessuna occasione nonostante i 5 minuti di recupero. Finisce in parità, un piccolo passo avanti in classifica. Buon per la Sampdoria anche in virtù del pareggio del Palermo, per il Genoa continua il cammino per la salvezza.