Quantcast
Economia

Tpl, vertice tra Cal e istituzioni: spiragli di luce per il bacino unico

Genova. Nuovi spiragli di luce per il bacino unico. Stamattina in Regione, infatti, è stata presentata la legge regionale alla presenza del Cal (Comitato Autonomie Locali).

“Il Cal si è presentato alla riunione di oggi con spirito costruttivo, abbiamo avviato un confronto e presentato il nuovo testo di legge sul bacino unico che tiene conto anche delle osservazioni del Cal – ha dichiarato l’assessore regionale Enrico Vesco – Parallelamente riprenderemo la trattativa con il sindacato”.

Vesco ha precisato che certamente ci sono alcuni punti di contrasto anche forte tra Cal e sindacato, soprattutto per quanto riguarda clausola sociale. “Il Cal valuterà la legge il 6 aprile, intanto il tavolo tecnico proseguirà per valutare tutte le proposte che ci arriveranno – ha concluso l’assessore – Credo che nessuno si aspettasse che una riunione potesse bastare, però ho apprezzato molto lo spirito costruttivo. Diciamo che si è trattato di una fumata interlocutoria”.

Per il presidente di Amt, Luigi Ravera, la proclamazione dello sciopero è stato quasi un fulmine a ciel sereno. “La proclamazione dello sciopero è stata una sorpresa perché è arrivata a seguito di un appuntamento interlocutorio sulla trattativa che si sta conducendo in azienda – ha dichiarato Luigi Ravera, presidente di Amt – Spero che sia una modalità come le altre per arrivare alla conclusione di una trattativa che continuiamo a ritenere necessaria per la salvezza di Amt. Non abbiamo nessun altro obiettivo oltre a questo”.

Per quanto riguarda la legge regionale sul Tpl, l’oggetto vero e proprio della riunione di oggi, Ravera ha commentato. “Noi prenderemo atto delle legge che il consiglio approverà, se l’approverà”.

Alla riunione, ovviamente, era presente anche l’assessore comunale ai Trasporti, Anna Maria Dagnino. “Noi stiamo lavorando tutti per la salvezza dell’azienda e l’impegno economico del Comune è notevole”, ha dichiarato parlando di Amt.

Sulla legge regionale, invece, ha detto: “Oggi è stato un passo importante con i coinvolgimento del Cal. Il destino e la gestione delle programmaticità di Amt sono di assoluta responsabilità dell’azienda e del Comune, quindi due dinamiche completamente diverse rispetto al percorso della legge regionale”.