Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria, il caso Zaza fa infuriare la società: può scapparci la denuncia

Genova. Simone Zaza difficilmente rinnoverà il contratto che lo lega alla Sampdoria. Fin qui nulla di nuovo. Come non è notizia fresca il fatto che l’agente del giocatore, Christian Maifredi, abbia chiesto cifre esagerate per prendere in considerazione la permanenza in blucerchiato del proprio assistito.

È il gioco delle parti, nulla di cui scandalizzarsi. Legittimo pensare che basti poco per montarsi la testa ma dal punto di vista pratico nulla fuori dal normale. Il tutto diventa anormale quando l’agente di un giocatore tesserato dalla Sampdoria, senza aver ricevuto il mandato dalla società, comincia a trattare con altri club il futuro del giocatore di cui cura gli interessi.

Maifredi ha già confermato di aver discusso con la Juventus (club che ovviamente riscuote il gradimento di Zaza) e altre squadre straniere non rivelate in sede di interviste. Una violazione normativa questa, che ha fatto infuriare i vertici di Corte Lambruschini. In sede stanno studiando la possibilità di denunciare Maifredi e lo stesso Zaza. Di quella lealtà, correttezza e probità di cui si parla nel Codice di Giustizia Sportiva in effetti non c’è traccia. Difficile che si riesca a mettere una pezza allo strappo che si è venuto a creare fra le due parti.

La Juventus resta ai margini della diatriba nella speranza di essersi però già assicurata il giovane attaccante finito in vetrina grazie ai gol realizzati in Serie B con la maglia dell’Ascoli. Non paga, la Vecchia Signora continua a pressare la dirigenza blucerchiati per Andrea Poli e Pedro Obiang. Per l’ex interista sembrava che i giochi si potessero chiudere già lo scorso gennaio. Adesso, in mancanza di rinnovo, se ne potrebbe tornare a discutere a giugno. Lo spagnolo invece si è legato alla Samp fino al 2017, se ne andrà solo in caso di offerte irrinunciabili.

Domenica si torna in campo. Al Ferraris arriva l’Inter. Tutti a disposizione di mister Delio Rossi, recuperati anche Gastaldello, Palombo e Castellini. C’è solo l’imbarazzo della scelta.