Quantcast
Cronaca

La crisi intacca anche le partenze: poco estero e calo delle vacanze

vacanza, viaggio in auto

Tra coloro che si concederanno una vacanza, quasi l’88% restera’ in Italia (rispetto al 90% del 2012), mentre il 12% (rispetto al 10% del 2012) andra’ all’estero.
Per chi restera’ in Italia sara’ il mare la meta preferita (34% rispetto al 37% del 2012), seguita dalle localita’ d’arte che toccheranno il 25,5% (21% nel 2012).

In leggera decrescita la montagna al 23% (rispetto al 24% del 2012). Per chi invece optera’ per l’estero, spiccano le Capitali europee con il 53,4% dei consensi (rispetto al 65% del 2012), seguite dalle localita’ di mare con il 20% (rispetto al 21% del 2012).

La casa di parenti o amici con il 28,1% sara’ la struttura ricettiva maggiormente preferita dai vacanzieri, seguita dall’albergo che accogliera’ il 27,6% delle preferenze e dalla casa di proprieta’ al 15,6%. Un incremento significativo ci sara’ nei B&B col 6,1% (rispetto al 2% del 2012).

La spesa media pro-capite si attestera’ sui 317 euro rispetto ai 329 del 2012.

Più informazioni