Quantcast
Economia

Sblocco fondi ammortizzatori sociali, soddisfazione della Liguria: “Buona notizia”

Liguria. Ci sono voluti quaranta giorni di mobilitazione, ma lo sblocco dei fondi all’Inps degli ammortizzatori sociali per 2013 e delle domande del 2012 che erano rimaste bloccate, da parte del ministro Elsa Fornero, è una buona notizia”.

E’ il commento dell’assessore al Lavoro della Regione Liguria Enrico Vesco che in mattinata aveva lanciato un appello al governo chiedendo un urgente intervento vista l’impennata della cassa integrazione in Liguria e le risorse insufficienti.

In Liguria il numero dei lavoratori interessati dalla cassa integrazione è pari a 14.660 (tempo pieno). Siamo in presenza di un forte incremento di cig su base annuale, dove la preponderanza è della cassa integrazione straordinaria. Il dato peggiore è su base mensile, dove regna sovrana la cig straordinaria.

“Una situazione drammatica, con un’impennata 4 volte superiore alla media del 2012 e 600 richieste nel solo mese di gennaio”, aveva commentato Vesco, prima del tavolo di oggi pomeriggio con tutti i firmatari dell’accordo regionale, per denunciare questo stato di cose e chiedere di sbloccare le risorse.

Entrando nel particolare, le ore di cig autorizzate nel mese di gennaio 2013 sono: 2.492.279 di cui, su base territoriale, 1.540.000 ore circa a Genova, in stragrande maggioranza si tratta di Cig straordinaria, 777.000 ore circa a Savona di cui la maggioranza è Cig straordinaria, ma è forte anche la componente di Cig ordinaria 143.000 ore circa a La Spezia 32.000 ore circa a Imperia.
Per quanto riguarda il ramo di attività, sono 1.881.007 nell’industria ( 75% circa ), 345.191 nel commercio ( 13,85% ), 246.657 nell’edilizia ( 9,9% ), 19.424 nell’artigianato (0,78% ).

Rispetto a dicembre 2012 c’è stato un incremento del 256% così suddiviso: + 92,3% cig ordinaria , +912% cig straordinaria, -28,8% cig deroga Rispetto a Gennaio 2012 c’è stato un incremento del 149,7% così suddiviso: +238,8% cig ordinaria, + 1065,15 cig straordinaria, -77,1% cig deroga. Una situazione che, come ha detto l’assessore, è davvero drammatica.