Quantcast
Politica

Politiche 2013, Rossi (Scelta Civica) apre ad Attanasio dopo le bugie di Giannino

Genova. Maurizio Rossi, capolista al Senato in Liguria nella lista Con Monti per l’Italia, interviene sulla vicenda di Oscar Giannino legata ai suoi “presunti” titoli accademici.

“Purtroppo la prima vittima è Luigi Attanasio. Il capolista al Senato per la lista Fare per Fermare il declino è una persona seria e competente, che saremmo lieti di avere con noi. Mi spiace che abbia creduto in quella persona che della “questione morale” aveva fatto la sua bandiera. Giannino mi aveva perfino attaccato sulle emittenti nazionali per la mia posizione di candidato-editore, senza voler capire che invece sono stato preso a esempio su come risolvere il conflitto d’interessi una volta per tutte i Italia. Magari gli serviva anche una laurea in comunicazione”.

Il capolista montiano trova ancor più grave e immorale “che Giannino dopo essersi dimesso dalla presidenza del suo movimento, non faccia altrettanto per la candidatura a presidente del Consiglio. Attanasio è una persona seria e non merita un leader che ha preso in giro gli italiani. Sapevamo già quanto fosse poco probabile in Liguria che la lista Fare riuscisse a eleggere un senatore. Alla luce della vicenda mi auguro che gli elettori capiscano l’importanza di concentrare il voto utile sulla nostra lista al Senato”.

Dopo quanto accaduto, prosegue Rossi, “sarò lieto di aprire un dialogo diretto con il dott. Attanasio, augurandomi che possa già da oggi sostenere la nostra lista al Senato. Sarebbe l’unica soluzione per rappresentare anche la Liguria nel prossimo Parlamento con un forza alternativa ai partiti tradizionali”.

Per il capolista al Senato nella lista Con Monti per l’Italia “Luigi Attanasio è una persona di grande prestigio, che ammiro, e che non merita di essere accomunato al bugiardo Oscar Giannino”.