Quantcast
Cronaca

Maxi truffe a Genova, percepivano la pensione dei parenti deceduti: 14 denunce

Genova. Sono stati conclusi nei giorni scorsi gli accertamenti avviati dalla Guardia di Finanza di Genova, in collaborazione con la locale Direzione Provinciale dell’INPS, riguardanti l’indebita percezione di pensioni di persone decedute negli anni dal 1990 al 2011.

Nella prima fase delle indagini, sviluppate attraverso incroci di dati, analisi documentali e sopralluoghi e concluse nel 2012, erano stati individuati due casi di macroscopica illegalità: quello di un figlio, emigrato all’estero, che continuava a percepire la pensione della mamma, morta da oltre 20 anni, avendo attestato falsamente, anche in anni recenti, l’esistenza in vita della congiunta.

Il secondo caso, invece, era quello di una signora che continuava a percepire, senza averne diritto, la pensione della madre, comprensiva dell’indennità di reversibilità del marito scomparso da oltre 40 anni.

Sono stati scoperti, inoltre, sempre nella prima fase dell’indagine, altre sei persone che percepivano indebitamente l’assegno sociale, dichiarando falsamente di avere la residenza in Italia, di avere 65 anni ed una modesta redditualità. In particolare, gli interessati erano emigrati all’estero da diversi anni, in paesi sudamericani.

Nella seconda parte delle indagini, appena terminate, sono state scoperte ulteriori truffe. In tre casi persone che percepivano la pensione dei genitori e, in un altro, quella dello zio, senza alcuna legittimazione, avendo omesso anche di comunicare il decesso dei parenti, morti tra il 1996 ed il 2011, all’Ente previdenziale.

In altri due casi, invece, nipoti che percepivano da oltre 15 anni la pensione dei nonni deceduti, a fronte di attestazioni false circa la loro minore età, presentate dai genitori all’atto del decesso del parente.

In uno dei casi ultimamente perseguiti, la persona responsabile della truffa è stata colta in flagranza di reato mentre riscuoteva le pensione presso uno sportello bancario.

I responsabili, in totale 14, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di truffa aggravata ai danni dello Stato. L’INPS ha provveduto a bloccare l’erogazione delle pensioni in questione e in definitiva l’indagine, intesa nel suo complesso, ha portato a quantificare in 740mila euro l’importo delle pensioni indebitamente percepite.