Quantcast
Politica

Elezioni politiche, ecco come votarono i liguri e i genovesi nel 2008: risultati di Camera e Senato

Genova. A poco più di una settimana dalle elezioni, i candidati premier stanno dando vita all’ultimo sprint delle loro campagne elettorali tra sondaggi e possibili scenari futuri.

Facendo un passo indietro nel tempo, invece, ecco come votarono i liguri e i genovesi durante la precedente tornata elettorale, cioè nel 2008. In Liguria, per quanto riguarda il Senato, si recò alle urne il 78% degli elettori.

Walter Veltroni, Partito Democratico, prese 360.285 (38,3%, 3 seggi)e Antonio Di Pietro, Idv, 44.670 (4,8%). Totale coalizione 404.955 voti (43,1% e 3 seggi).

Silvio Berlusconi, Pdl, 352.968 voti (37,6% e 4 seggi) e Lega Nord 61.797 (6,6%, 1 seggio). Totale coalizione 414.765 (44,1% e 5 seggi).

Fausto Bertinotti, la Sinistra Arcobaleno 33.066 voti (3,5%). Pier Ferdinando Casini, Unione di Centro 35.514 voti (3,8%); Daniela Santanché, La Destra -Fiamma tricolore 21.276 voti (2,3%); Stefano De Luca, P.Liberale Italiano 3.753 voti (0,4%).

Enrico Boselli, Partito Socialista 7.014 voti (0,8%). Flavia D’angeli, Sinistra Critica 4.922 voti (0,5%); Stefano Montanari, Per il Bene Comune 3.813 voti (0,4%); Marco Ferrando, Partito Comunista dei Lavoratori 7.930 voti (0,8%); Bruno De Vita, Unione Dem.per i Consumatori 3.000 voti (0,3%). Totale 940.008.

Senato Genova, votanti 75,9%. Walter Veltroni, Pd, 152.933 voti (44,0%); Di Pietro, Idv, 9.278 voti (5,5%). Totale coalizione 172.211 voti (49,5%).

Silvio Berlusconi, Pdl, 114.452 voti (32,9%), Lega Nord 17.752 voti (5,1%). Totale coalizione 132.204 voti (38,0%).

Fausto Bertinotti, Sinistra Arcobaleno, 14.147 voti (4,1%); Pier Ferdinando Casini, Unione di Centro, 11.935 voti (3,4%); Daniela Santanche’, La Destra – Fiamma tricolore, 6.728 voti (1,9%); Stefano De Luca, P.Liberale Italiano, 1.206 voti (0,4%); Enrico Boselli, Partito Socialista, 2.085 voti (0,6%); Flavia D’angeli, Sinistra Critica, 2.023 voti (0,6%); Stefano Montanari, Per il Bene comune, 1.381 voti (0,4%); Marco Ferrando, Partito Comunista dei Lavoratori, 3.017 voti (0,9%); Bruno De Vita, Unione Democratica per i Consumatori, 1.052 voti (0,3%). Totale 347.989 voti.

Camera Liguria, votanti 78,0%. Walter Veltroni, Pd, 375.808 voti (37,6 6%); Di Pietro, Idv,  49.247 voti (4,9 1%). Totale coalizione 425.055 voti (42,5 7%).

Silvio Berlusconi, Pdl, 367.374 voti (36,7 7%); Lega Nord 68.337 voti (6,8 2%).
Totale coalizione 435.711 voti (43,6 9%).

Fausto Bertinotti, Sinistra Arcobaleno, 36.888 voti (3,7%); Pier Ferdinando Casini, Unione di Centro, 37.820 voti (3,8 1%); Daniela Santanche’, La Destra – Fiamma tricolore, 26.889 voti (2,7 %); Stefano De Luca, P.Liberale italiano, 2.270 voti (0,2%); Enrico Boselli, Partito Socialista, 8.627 voti (0,9%); Giuliano Ferrara, Ass.difesa della vita aborto? no,grazie, 4.536 voti (0,5 %); Flavia D’angeli, Sinistra Critica, 5.851 voti (0,6%); Stefano Montanari, Per il bene comune, 4.232 voti (0,4%); Marco Ferrando, Partito Comunista dei lavoratori, 8.972 voti (0,9%); Bruno De Vita, Unione Dem.per i consumatori, 3.038 voti (0,3%). Totale 999.889 voti (17%).

Camera Genova, votanti 75,9%. Walter Veltroni, Pd, 159.371 voti (43,1%); Di Pietro, Idv, 21.447 voti (5,8%). Totale coalizione 180.818 voti (48,9%).

Silvio Berlusconi, Pdl, 118.438 voti (32,0%); Lega Nord, 19.661 voti (5,3%). Totale coalizione 138.099 (37,4%).

Fausto Bertinotti, Sinistra Arcobaleno, 15.965 voti (4,3%); Pier Ferdinando Casini, Unione di Centro, 12.820 voti (3,5%); Daniela Santanché, La Destra, 8.404 voti (2,3%); Stefano De Luca, P.Liberale italiano, 719 voti (0,2%); Enrico Boselli, Partito Socialista, 2.654 voti (0,7%); Giuliano Ferrara, Ass.difesa della vita aborto? no,grazie, 1.707 voti (0,5%); Flavia D’angeli, Sinistra Critica, 2.418 voti (0,7%); Stefano Montanari, Per il bene comune, 1.548 voti (0,4%); Marco Ferrando, Partito Comunista dei lavoratori,  3.404 voti (0,9%); Bruno De Vita, Unione Democratica per i consumatori, 1.104 voti (0,3%). Totale 369.660 voti.

leggi anche
  • 4 marzo
    Meno due mesi alle elezioni politiche, tra collegi da interpretare, attese di dèbacle e trionfi e l’incognita estremista