Quantcast
Politica

Elezioni, l’appello di Donatella Albano: “Votiamo Pd per un cambiamento serio e duraturo”

Liguria. “Il Pd ha scelto me come capofila della campagna elettorale in Liguria, una lavoratrice, madre di famiglia, una persona comune. Io ho voluto rispondere con un motto, ‘Coraggio!’, perché l’Italia ha bisogno dell’impegno di tutti per cambiare marcia e riprendersi il suo futuro. Chi voterà per noi, ha già deciso di ridare una speranza all’Italia”. Donatella Albano, candidata al Senato e capolista in Liguria per il Partito Democratico, rivolge l’ultimo appello al voto prima delle elezioni di domenica e lunedì. E lo fa a modo suo, con verità, trasparenza, e con la determinazione che la contraddistingue.

“Ci sono formazioni che promettono di fare piazza pulita, di far saltare il banco e mandare tutto a gambe all’aria. Altri sono pronti a vendere il futuro delle nuove generazioni in cambio di un pugno di voti. Noi questo non lo accettiamo. Fare pulizia è una necessità, ma nessun mezzo può sostituire il fine. Noi vogliamo un cambiamento serio e duraturo. Un’Italia dove i giovani possano tornare a fare progetti, avere una famiglia. Dove gli anziani siano tutelati e vivano la loro vita con dignità. Vogliamo l’Italia delle imprese, non quella dei padroni”.

“Noi ci abbiamo messo la faccia. Abbiamo fatto le primarie nelle strade e nelle piazze, non solo su internet – spiega Donatella Albano – Poi abbiamo incontrato i cittadini, le categorie, gli imprenditori in quasi tutti i comuni della provincia e in tutta la regione. Conosciamo i loro problemi, e loro sanno come trovarci per rinfrescarci la memoria”.

“Nel mio programma di futura rappresentante dei cittadini ho voluto inserire almeno tre promesse su cui non intendo arretrare di un millimetro: la riduzione degli estimi catastali per le nostre imprese agricole, la garanzia del fondo per la non autosufficienza, la conciliazione dei tempi lavoro famiglia per le donne”.

“Non basta, è ovvio. Ma nel Partito Democratico siamo in tanti. Ognuno porterà il suo contributo per ridare dignità al lavoro, alla cultura, per far ripartire le imprese, per restituire ai cittadini italiani un sistema fiscale giusto e non vessatorio, per garantire all’Italia un futuro pulito con le energie rinnovabili, in un Paese libero dalla morsa della criminalità organizzata che intossica e avvilisce il nostro territorio. Questo, con coraggio e determinazione, è quello che vogliamo, e vi chiediamo di aiutarci mettendo una croce sul simbolo del PD, senza esprimere preferenze, alla Camera e al Senato”.