Quantcast
Politica

Elezioni, Ingroia (Rivoluzione Civile) a Genova: “Noi dalla parte dei cittadini, mai un’alleanza con Monti”

Genova. “Mai un’alleanza con Monti”. E’ iniziato così l’intervento di Antonio Ingroia, oggi a Genova per la sua unica tappa in Liguria e per presentare la lista di “Rivoluzione Civile”. L”ex pm di Palermo è arrivato alla Sala chiamata al Porto con quattro auto di scorta, poco dopo le 11, fermandosi prima del comizio con i simpatizzanti, a parlare con i cronisti: “Siamo contrari a qualsiasi alleanza con Monti – ha detto – Bersani  può fare le sue scelte e pare che l’abbia già fatta, anche se trovo innaturale che una coalizione che si definisce di centrosinistra faccia un accordo con Monti” .

C’è chi sostiene che l’unica possibilità affinché Bersani non scelga di allearsi con l’ex primo ministro potrebbe essere quella di avere i voti di Rivoluzione Civile al Senato. “Se questa fosse una possibile alternativa per formare un governo di centrosinistra senza Monti, allora si potrebbe aprire un confronto su questo tema – prosegue Ingroia – Parlarne prima delle elezioni mi sembra che sia inutile, ma l’unica cosa che possiamo dire è che la vera alternativa per avere un governo di centrosinistra siamo noi. Se si vota il Pd, infatti, c’è una forte possibilità che vada a fare un accordo con Monti, se si vota noi, invece, potremmo convincere il Pd a fare un governo di centrosinistra”.

Monti ha dichiarato che il governo che sarà eletto, il Pd in particolare, non riuscirà ad avere la maggioranza per governare e quindi entro poco si tornerà al voto. Anche Grillo lo ha detto. “La governabilità è un valore, ma ciò che conta è con chi si governa e per cosa si governa. Se si riuscirà a costituire un governo basato sui nostri obiettivi del programma, allora ci staremo, altrimenti no – dichiara ancora il leader di Rivoluzione Civile – credo che l’ipotesi prospettata da Monti e Grillo sia possibile, visto che il nostro sistema elettorale è tra i peggiori al mondo”.

In tutto questo scenario, c’è chi parla del rischio di poter favorire Silvio Berlusconi, ma Ingroia non è di questo avviso. “Ha recuperato un po’, ma non ha nessuna possibilità di prendere la maggioranza, è più pericoloso Monti”.
Poi il messaggio agli elettori. “Noi siamo il nuovo, dalla parte della popolazione per cambiare l’Italia e ricacciare indietro la casta che ha rovinato il Paese. Noi siamo dalla parte dei lavoratori, dei tanti cittadini che sono rimasti delusi dalla politica – spiega – Chiedo di votare per noi, ma soprattutto di andare a votare. Io non faccio promesse, ma noi sappiamo dove cercare e prendere i patrimoni dei corrotti e degli evasori fiscali. Questa è la nostra principale ricetta per rilanciare il Paese”.

Infine un piccolo accenno allo scandalo delle cosiddette spese pazze in Regione. “Bisogna fare tesoro del passato con una seria moralizzazione della politica, abbassando i soldi percepiti sia dai partiti che dai singoli, ma soprattutto con un controllo serio da parte di autority al di là dei partiti”.