Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Elezioni, il Pd ligure chiude la campagna elettorale nei luoghi della memoria: gli appuntamenti

Liguria. “Il PD si presenta al Paese con le sue proposte per l’Italia Giusta, per ridare valore al lavoro, per tornare a crescere e per farlo attraverso una nuova stagione di equità e diritti, che chiuda definitivamente i conti con vent’anni di pensiero unico conservatore e neo liberista nel mondo che ci hanno portati diritti dentro la più grande crisi di tutti i tempi. Ma noi siamo in campo anche con i nostri valori, perché non c’è futuro per una comunità senza radici”. Queste le parole di segretario regionale PD Liguria e di Giovanni Lunardon, vice segretario PD Liguria.

“Le nostre radici sono nella Carta costituzionale scritta dai Padri Costituenti e nella lotta di Resistenza che ha ridato libertà e dignità ad un Paese umiliato e prostrato dal giogo della dittatura nazi-fascista.

Testimoniare questi valori per noi non è un esercizio retorico o uno stanco rito ma è l’unico modo per costruire un’Italia nuova all’altezza dei principi per cui si sono battuti i Resistenti e che sono sanciti nella Costituzione – proseguono – Sappiamo che non è così per tutti: c’è chi in questi anni ha cercato di equiparare le ragioni degli oppressori con quelle degli oppressi, chi ha denigrato e voleva cancellare il 25 aprile, c’è chi, anche in questa campagna elettorale, ha civettato con CasaPound e che per i modi – attacchi violenti a magistratura, sindacati e giornali, rifiuto a confrontarsi con gli avversari politici, disprezzo per la democrazia rappresentativa, visione populistica, denigratoria e distruttiva – non ha nulla da invidiare alla retorica che ha sorretto il pensiero fascista e i periodi più bui e torbidi della nostra storia”.

Per il Pd testimoniare l’antifascismo è anche un modo per ripensare l’Italia e rifondarla non sulle menzogne dei populismi, ma sui pilastri solidi di una nuova stagione democratica.

“Abbiamo iniziato la nostra campagna elettorale in Liguria, grande terra di Resistenza con città e province medaglie d’oro alla Resistenza, con un doveroso omaggio ai deportati nei campi di concentramento nazisti tributato in provincia di Imperia dai nostri due capolista, Andrea Orlando e Donatella Albano. Intendiamo chiudere la nostra campagna tornando con tutti i nostri candidati, i nostri amministratori e i nostri militanti nelle piazze della Liguria e scegliendo luoghi che conservino la memoria di coloro che ci hanno ridato la libertà con il sacrificio della propria vita”.

“Sarà per noi un doveroso omaggio alla memoria di chi ha riscattato l’Italia e ci ha donato con la Costituzione i punti di riferimento ideali e concreti per progettare il nostro futuro mettendo al centro i principi costituzionali del lavoro, dell’uguaglianza, della salute, del sapere e della pace – concludono Basso e Lunardon – L’Italia Giusta riparte da qui”.

Ecco tutte le iniziati del 22 febbraio. Imperia: Alle ore 12,30 al Casone dei partigiani in località Dolcedo. Intervengono: Donatella Albano, Lorenzo Basso, Leandro Faraldi e Sergio Cofferati. Savona: Alle ore 18,00 deposizione di una corona alla lapide sulle mura del Priamar che ricorda i deportati catturati dopo lo sciopero del marzo 1944. Intervengono: Claudio Burlando, Anna Giacobbe, Franco Vazio e Marco Russo. Segue comizio in piazza D’Alaggio – Darsena Savona.

Genova. Sestri Ponente, ore 17 in piazza Pilo, vicino a piazza Baracca dove il 15 gennaio del 1945 vennero uccisi quattro partigiani. Intervengono: Andrea Orlando e Giovanni Lunardon.

Voltri, ore 16 in località Sambugo presso il cippo che ricorda Osvaldo Moretti e Antonio Zaghi, partigiani bruciati vivi dai tedeschi. Intervengono: Claudio Burlando, Marina Costa e Alessandro De Venuto.

Sampierdarena, ore 17 in piazza Riccardo Masnata, operaio Ansaldo gappista ucciso nel luglio del ’44 dopo essere stato torturato. Intervengono: Lorenzo Basso, Mara Carocci e Massimo Bisca.

Bolzaneto, ore 17 in piazza Riccardo Rissotto, operaio di Bolzaneto morto nel rastrellamento della Benedicta e che il 9 settembre del 1943, proprio in questa piazza oggi a lui dedicata, parlò contro i fascisti. Interviene Mario Tullo.
San Fruttuoso, ore 17 in piazza Martinez; qui vicino, ponte di Terralba, il 14 gennaio 1945 vennero uccisi due partigiani. Intervengono: Roberta Pinotti e Roberta Magioncalda.

Alle 17 ai Giardini di Quinto – piazzale Giuseppe Rusca, quartiere nel quale operava la famosa brigata “Sciolla” che ha combattuto sino al 26 aprile. Intervengono: Luca Pastorino, Sara Di Paolo e Carla Olivari Flick.

La Spezia: Alle ore 17 in piazza del Bastione manifestazione conclusiva dedicata al lavoro, prima della manifestazione omaggio al monumento alla Resistenza presso i Giardini Pubblici della Spezia. Intervengono: Paola Sisti, Michela Marcone e Moreno Veschi.

Tigullio. Primo pomeriggio chiusura a Sestri Levante presso la Casa del lavoratore “Virgola”, dedicata al comandante partigiano Eraldo Fico. Intervengono: Andrea Orlando, Vito Vattuone, Valentina Ghio e Luca Garibaldi.