Quantcast
Altre news

Derby Genoa-Sampdoria, il 14 aprile prima scendono in campo gli oratori

Genova. Saranno le squadre Don Bosco Angeli di Quarto e Santa Caterina Portoria di Genova e le fortunate protagoniste della “Junior TIM Cup – Il calcio negli oratori” che si sfideranno domenica 14 aprile allo stadio “Luigi Ferraris”, prima del fischio d’inizio di Genoa-Sampdoria. E’ questo l’esito del sorteggio avvenuto oggi a Genova, presso la Sala Quadrivium, tra le squadre partecipanti alla “Junior TIM Cup”. Grande euforia per i piccoli calciatori delle squadre sorteggiate che, grazie a questo torneo, potranno vivere l’emozione di giocare sullo stesso campo della Serie A TIM.

Presenti all’incontro i due capitani del CFC Genoa e dell’UC Sampdoria, il rossoblu Marco Rossi e il blucerchiato Daniele Gastaldello; Fabio Santoro, Direttore Marketing e Diritti Audiovisivi Lega Serie A, Angela Cutrera, Sponsorship di Telecom Italia, Cristiano Simonetti, Presidente del Csi Liguria, Enrico Carmagnani, Presidente del Csi Genova, Luca Curotto, Direttore Territoriale dell’area sportiva regionale, e tutta la squadra di volontari del CSI di Genova.

L’iniziativa, presentata a Genova, si inserisce nell’ambito dell’accordo siglato recentemente da Centro Sportivo Italiano, TIM e Lega Serie A per dare vita ad un’importante alleanza tra lo sport di vertice e quello di base a favore della pratica del calcio in oratorio, promuovendo un torneo rivolto a migliaia di ragazzi di tutta Italia dal nome “Junior TIM Cup – Il calcio negli Oratori”. Per questo torneo è stato istituito un fondo nel quale confluiranno sia parte delle ammende comminate ai tesserati e alle società di Serie A TIM dal Giudice Sportivo durante il corso della stagione, sia un contributo di TIM nel ruolo di “title sponsor” della competizione.

La “Junior TIM Cup – Il calcio negli Oratori” rientra negli obiettivi individuati da CSI, TIM e Lega Serie A: una competizione di calcio giovanile che, oltre all’aspetto sportivo, celebra quel patrimonio di valori, storie e buone pratiche che costituiscono il riferimento del progetto di TIM “Il calcio è di chi lo ama”.

Il torneo di calcio a 7, riservato a giovani under 14, vedrà protagonisti gli oratori delle 16 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2012-2013. Ad accrescere ulteriormente il fascino della competizione contribuirà anche il palcoscenico di eccezione che sarà offerto alle squadre partecipanti alcune delle quali avranno la possibilità di giocare negli stadi nel prepartita dei match di Serie A TIM.

La fase finale della Junior TIM Cup, che vedrà scendere in campo le migliori squadre vincitrici dei tornei regionali, si disputerà allo Stadio Olimpico di Roma in occasione della finale della TIM Cup 2013. Affinché si possa innescare un positivo modello emulativo il torneo godrà di una speciale visibilità sui social network grazie alle storie emblematiche dedicate alla buona pratica sportiva.

Il Centro Sportivo Italiano, TIM e la Lega Serie A si sono impegnati anche a costituire un “Comitato di garanzia”, che stabilirà l’assegnazione delle risorse sul territorio a sostegno di progetti di certificata valenza educativa e che riguarderanno la formazione di educatori sportivi, il supporto a squadre giovanili, oltre alla realizzazione di nuovi impianti e la fornitura di materiale sportivo.

Nel girone “Tigullio” giocheranno le parrocchie di San Bartolomeo della Ginestra e di S. Stefano del Ponte di Sestri Levante, di Maria Madre di Lavagna, di S. Maria a Rapallo, di S. Rocco a Recco e dell’Oratorio Maria Ausiliatrice di Monleone. Il calendario completo della manifestazione è disponibile sul sito www.csichiavari.it; la giornata finale si disputerà nell’impianto di Conscenti durante il pomeriggio di giovedì 11 aprile.

Marco Rossi, capitano del Genoa, ha dichiarato: “Anch’io ho avuto trascorsi in oratorio. Ci giocavo da piccolo. Che gioia vedere tutti questi ragazzi che sono i nostri tifosi di domani. Sarà bello giocare dopo di loro a Marassi. Complimenti agli organizzatori”. Gli fa eco Daniele Gastaldello, capitano della Sampdoria: “Vedere in campo gli oratori è il modo più bello per vivere il derby con serenità. Il calcio vero e genuino è da vivere con passione. Nel padovano anch’io quante partite in oratorio.”

Per il Csi, ha parlato il presidente ligure Cristiano Simonetti: “Uno sforzo notevole da parte di tutti i volontari del CSI; una manifestazione dedicata ai ragazzi che vuole abbracciare tutta la provincia di Genova compreso il suo entroterra. Abbiamo raccolto la partecipazione di 27 oratori, suddivisi poi in 5 gironi, in pochissimo tempo; tantissime sono state le richieste e la cosa che più ci ha colpito è stata la voglia dei ragazzi di partecipare, erano loro che andavano dal parroco o dal responsabile dicendo che volevano giocare il torneo.