Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Commissione rendiconti, Monteleone: “Entro il 20 febbraio termineremo i controlli”

Regione. La Commissione regionale Rendiconti, riunita oggi per verificare i bilanci 2012 dei gruppi consiliari, renderà noti i risultati entro il 20 febbraio, al termine del lavoro. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio regionale e della Commissione Rosario Monteleone.

Rosario Monteleone

La Commissione, composta dai consiglieri Francesco Bruzzone, Giacomo Conti, Franco Rocca e Giancarlo Manti, ha anche deciso di riunirsi tutti giorni per esaminare se le cifre delle spese indicate dai gruppi sono conformi con quelle delle ricevute presentate e se sono congrue con le finalità politiche previste.

“Abbiamo cominciato a esaminare i rendiconti e solo a lavoro concluso renderemo noti i risultati – ha spiegato Monteleone. Credo che sia giusto e corretto completare il lavoro senza
fare anticipazioni. La commissione si e’ impegnata formalmente a rendere noti i risultati delle verifiche appena finito il lavoro. Ci convochiamo tutti i giorni fino al 16 febbraio, se ci
sara’ bisogno al massimo fino al 20. Questo vuol dire che c’e’ l’intenzione di fare presto e bene”.

“Non dico quali gruppi abbiamo iniziato a analizzare perché non credo sia giusto – ha detto ancora Monteleone -. Non possono essere visti tutti contemporaneamente e inizierebbe la caccia su
quale e’ stato visto e quale no. Al momento non e’ emerso nulla di particolare”.

Nella seduta odierna della Commissione, durata due ore, sono stati esaminati centinaia di ricevute e scontrini di alcuni gruppi consiliari. “Il controllo sara’ accurato e completo. Una volta verificati e certificati i bilanci dei gruppi, come e’ stato gia’ deciso attraverso un ordine del giorno approvato all’unanimità dal Consiglio regionale, la somma che corrisponde ai residui di bilancio sara’ accreditata sul conto della Tesoreria dell’Assemblea legislativa per essere poi devoluta, secondo le forme previste dalla legge, al Fondo per la non autosufficienza”.