Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Arresto Orsi, il Pd: “Garantire operatività e autorevolezza Finmeccanica”

Genova. Finmeccanica è di nuovo al centro di un’azione della magistratura, che sta indagando in particolare su tangenti pagate per la vendita di dodici elicotteri all’India.

L’arresto di Giuseppe Orsi e dell’ad di Agusta Westland, Bruno Spagnolini, le perquisizioni in atto in diverse sedi dell’azienda, i mandati di cattura che riguarderebbero i consulenti dell’azienda “segnano un quadro preoccupante per l’operatività di uno dei più grandi gruppi industriali del Paese” spiegano Lorenzo Basso, Giovanni Lunardon, Mario Margini e Massimiliano Morettini.

“Nell’esprimere fiducia nell’operato della magistratura, che deve rapidamente delineare un quadro preciso sule varie responsabilità, non sfugge a nessuno come garantire l’operatività dell’azienda sia oggi un obiettivo primario. Occorre individuare da subito soluzioni eccezionali di transizione a cui trasferire le deleghe operative di Orsi e di Spagnolini, per garantire il governo dell’azienda e della holding in questa fase” dice il Pd genovese e ligure.

“Già da tempo abbiamo sottolineato un dissenso sulle strategie industriali del gruppo, troppo concentrato sul settore militare dell’azienda e in tal senso abbiamo espresso contrarietà alla cessione di importanti aziende del settore civile, quali Ansaldo Energia, Sts e Breda Ferroviaria”.

“Evitando ogni strumentalizzazione politica delle vicende in atto, occorre partire dalla definizione delle politiche industriali per stabilire compiti e missioni di un nuovo gruppo dirigente per Finmeccanica, azienda strategica per l’Italia e per la città”.

“In questo quadro diventerebbe ancor più incomprensibile compiere atti, anche interlocutori, finalizzati alla cessione di attività del gruppo prima dell’insediamento del nuovo Governo”.