Quantcast

A Milano danno per fatto il passaggio di Icardi all’Inter, la Sampdoria smentisce

Genova. A gennaio la Sampdoria ha risposto picche a chiunque, Mauro Icardi non era sul mercato. Il direttore sportivo Carlo Osti ha resistito davanti ai milioni di euro proposti da Roma, Juve, Inter e Napoli. Troppo prezioso il bomber argentino per pensare di potersene privare a stagione in corso.

Sarebbe il giocatore sul quale costruire il Doria del futuro ma a riguardo i suoi procuratori sono stati piuttosto chiari. Icardi non sembra intenzionato a rinnovare il contratto che lo lega al club di Corte Lambruschini. E quindi, sempre che la situazioni non cambi, meglio venderlo al miglior offerente per non restare con un pungo di mosche in mano.

Icardi non ha mai fatto mistero di gradire la soluzione Inter e Massimo Moratti, a dar retta alle voci che arrivano da Milano, non sembra esserselo fatto ripetere due volte. La trattativa tra i nerazzurri e la Samp, dicono, sarebbe ben più che avviata. La danno per chiusa con Icardi alla Pinetina a partire dalla prossima estate. Arrivano anche i dettagli: nelle casse blucerchiate pioverebbero 15-16 milioni di euro più bonus vari.

Tutto fatto dunque? A sentire l’amministratore delegato blucerchiato Rinaldo Sagramola nemmeno per sogno. “Queste voci di una cessione di Icardi all’Inter non sono vere – ha dichiarato il dirigente a gazzettagiallorossa.it – Tecnicamente poi, sarebbe contro le norme federali visto che il giocatore è ancora sotto contratto con la Samp. I nerazzurri hanno manifestato il loro interesse ma da qui a dire che abbiamo ceduto il giocatore ce ne passa. Stiamo ancora aspettando la risposta del ragazzo alla nostra proposta di prolungamento del contratto”.

Può succedere di tutto dunque. Di certo c’è solo che per Icardi si scatenerà una vera e propria asta. Di positivo resta la professionalità del ragazzo che continua ad allenarsi con il massimo impegno e a segnare, domenica dopo domenica. La salvezza passa dai suoi gol.