Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Verso le Comunali 2013: al voto Sestri Levante, Camogli e Montoggio

Provincia. Sestri Levante, Camogli e Montoggio: sono tre i Comuni della provincia di Genova che andranno al voto nel 2013. Il rinnovo degli organi di governo intereserà i Comuni con il sindaco in carica dal 2008. La data del voto non coinciderà con le imminenti elezioni politiche, ma andrà a cadere tra maggio e giugno. Un primo sprint di liste e possibili candidati, quindi, si è smorzato quando si è venuto a sapere che c’è ancora tempo per alleanze, tattiche e programmi.

Dei tre comuni, due sono piccoli centri sotto il profilo demografico, al di sotto della soglia dei 15 mila abitanti (Camogli conta 5582, Montoggio 2111), mentre Sestri Levante con 18.794 supera la soglia.

A Camogli è in scadenza il mandato del sindaco Italo Mannucci eletto con una lista civica, così come il primo cittadino di Montoggio, Valter Raineri anch’esso appoggiato da lista civica. Si voterà con una sola scheda per eleggere sia il primo cittadino che i consiglieri. Ciascun candidato alla carica di sindaco sarà affiancato dalla lista elettorale che lo appoggia, composta dai candidati alla carica di consigliere. Sulla scheda è già stampato il nome del candidato sindaco, con accanto a ciascun candidato il contrassegno della lista che lo appoggia.

Una volta eletto il primo cittadino viene anche definito il consiglio: alla lista che appoggia il Sindaco eletto andranno i 2/3 dei seggi disponibili, mentre i restanti seggi saranno distribuiti proporzionalmente tra le altre liste.

Quanto a Sestri Levante, Andrea Lavarello, eletto da una compagine di centro sinistra, è allo scadere al suo secondo mandato. Comune con più di 15 mila abitanti, vale anche per Sestri Levante il sistema maggioritario a doppio turno: se al primo turno nessuno dei candidati ottiene la maggioranza assoluta (50% + 1 dei voti), si procede al ballottaggio nella seconda domenica successiva tra i due più votati.

Ciascun candidato può essere collegato a una o più liste e gli elettori possono esprimere due scelte: una per il sindaco e una per la lista dei consiglieri. E’ possibile scegliere una lista diversa da quella collegata al candidato cui si accorda il proprio voto (voto disgiunto).
Nella fase intermedia tra primo e secondo turno i due candidati che vanno al ballottaggio possono collegarsi a liste diverse rispetto a quelle che li avevano appoggiati nella prima votazione. In fase di ballottaggio gli elettori possono scegliere soltanto il candidato sindaco; non sono ammessi voti alle liste.