Quantcast

Turismo in Liguria, chiude in calo l’ultimo trimestre del 2012: bilancio in rosso

Genova. L’Osservatorio Turistico Regionale, nato dalla collaborazione fra Regione Liguria e Unioncamere Liguria, ha pubblicato la quarta analisi congiunturale del 2012. Mille operatori liguri del ricettivo fra quelli del comparto alberghiero e quelli del comparto extralberghiero sono stati chiamati a rispondere sull’andamento della stagione e hanno dichiarato un’occupazione camere pari a 30,9% in ottobre, con un calo dell’8,8% rispetto al 2011, seguito da una tenuta nel mese di novembre (23,2% di camere vendute, +0,4%). Per dicembre i dati mostrano un 16,9% di camere occupate, (-2,2% rispetto alle rilevazioni provvisorie dello scorso anno).

“L’ultimo trimestre 2012 – fa notare l’Assessore Angelo Berlangieri – conferma un bilancio complessivamente in rosso per l’intero anno, con una riduzione iniziale nelle percentuali di occupazione camere in inverno e in primavera, solo in parte compensato dalle vendite dell’alta stagione estiva”.

Le strutture alberghiere riescono a contenere il calo di domanda anche grazie ad una diffusa politica di pricing, già da tempo messa in atto: anche nell’autunno, come nei mesi precedenti, risulta differenziata per categoria ricettiva, con un leggero ridimensionamento nelle strutture di bassa e media categoria (-0,4% per gli 1-2 stelle; -0,7% per i 3 stelle), e una riduzione forte nei 4 e 5 stelle (-9%).

Il calo di prezzi unitamente alla contrazione delle vendite produce come effetto una diminuzione del fatturato delle imprese di questo comparto, stimata sul -12,8% per ottobre e sul -4,4% per novembre.

Un interessante contributo viene fornito da un’analisi svolta da Unioncamere Liguria su dati del Registro Imprese: mostra come nel 2012 le imprese operanti nel settore “servizi alloggio e ristorazione” (comparto che rappresenta il 10% del tessuto imprenditoriale ligure), abbiano registrato una dinamica migliore rispetto agli altri settori, pur mantenendo un tasso di crescita rallentato rispetto alla media nazionale (+0,12% contro un +0,31%). La consistenza delle imprese attive operanti nel settore è stata pari a 13.765 unità (+1,26% rispetto al 2011, in Italia + 1,87%).

Per i primi mesi 2013 le prenotazioni delle camere disponibili presso le strutture ricettive della regione, rilevate a dicembre, sono contenute, e i dati risultano in linea con quanto emerso negli ultimi mesi. Per febbraio in media risultano prenotate il 6,7% delle camere e per marzo il 6,1% in linea con le prenotazioni 2012 (-0,6% febbraio, +0,7% marzo). Le prenotazioni più consistenti si rilevano in città, e tra le tipologie ricettive, negli hotel di categoria 4 e 5 stelle. A livello territoriale sono le strutture della provincia di Imperia a registrare le prenotazioni più elevate nei primi mesi dell’anno, seguite da quelle della città di Genova.