Quantcast
Politica

Terzo Valico, gli Amici del Chiaravagna: “No all’utilizzo delle cave della nostra valle”

Genova. Alla vigilia del dibattito in Consiglio Comunale circa l’utilizzo delle cave del Monte Gazzo e della Val Chiaravagna per la realizzazione del Terzo Valico, l’Associazione Amici del Chiaravagna ribadisce, in una nota “oltre alla totale contrarietà verso l’infrastruttura in sè, il pieno dissenso sull’utilizzo delle cave della nostra valle”.

“E’ inaccettabile – scrive l’associazione ponentina – definire recupero ambientale il deposito di smarino nella ex cava Vecchie Fornaci: l’intervento cancellerebbe il seppur faticoso processo di rinverdimento naturalmente avviato anni fa con l’abbandono dell’estrazione e pregiudicherebbe l’esistenza stessa del Parco Urbano del Monte Gazzo a causa delle nuove funzioni previste dalla variante al PUC nelle aree limitrofe a quelle delle cave”.

“Sebbene si spacci questa operazione per un ‘recupero atteso da decenni’, la sensazione è che invece si stiano trovando scuse per posticipare la chiusura di cave che dovrebbero invece essere messe in sicurezza ben prima: al di là dei luoghi comuni sul rispetto dei tempi di consegna delle cosiddette “grandi opere” italiane, parliamo di un orizzonte temporale troppo lontano per una valle che da oltre un secolo sopporta la servitù delle cave”.

“Siamo inoltre estremamente preoccupati per quanto riguarda la gradonatura prospettata per le cave Gneo e Giunchetto: il profilo disegnato appare così ripido da mettere in dubbio il ritorno del verde ma soprattutto la soprattutto la sicurezza idrogeologica”.

“Come è possibile che non si sia pensato alla creazione di uno strumento minimo di controllo simile all’osservatorio invece istituito per la Gronda?” si chiedono gli ambientalisti “Come garantire in tempo reale il controllo sulla natura dei materiali in transito e sulle acque essendo parte delle aree della zona ricche di fibra d’amianto?”

Chiaro l’appello al Comune di Genova: “Innanzitutto va data evidenza di quanto gettito, come da norma di legge, sia stato introitato dal Comune di Genova per le servitù di cava e questa somma deve essere comunque messa subito a disposizione per la mitigazione dei disagi dei residenti nella zona”.

“Dal punto di vista politico, invece che allargare le braccia, il Comune di Genova dovrebbe fare squadra con gli altri comuni vessati dalla Legge Obiettivo e contestarla nelle opportune sedi in quanto strumento che calpesta la democrazia ed impone scelte lontane e spesso in opposizione con le esigenze dei territori su cui vengono poi imposte”.

leggi anche
  • Lavori
    Sestri Ponente, via libera per la messa in sicurezza del Chiaravagna: il comune mette sul piatto 580 mila euro