Quantcast

Sampdoria, è fatta per Sansone. Uno tra Naldo e Fernandez per la difesa, idea Kasami

Bogliasco. Il mondo del calcio non conosce soste. Non c’è lutto che tenga, bisogna andare avanti. La scomparsa del presidente blucerchiato Riccardo Garrone ha lasciato un grande vuoto. Il figlio Edoardo, che ha in mano le redini della Sampdoria, ha chiesto per domenica uno stadio vestito a festa: un tributo per quell’uomo che ha salvato la società del fallimento e l’ha portata fino ai preliminari di Champions.

Stadio gremito sì, ma non solo. In campo servirà anche una prestazione convincente, di cuore: se condita dai tre punti pure meglio. E quindi preoccupano le condizioni di Eder alle prese con un affaticamento muscolare, contro il Pescara potrebbe non esserci. In panchina si rivedrà invece Maxi Lopez orami pronto per almeno uno spezzone di gara. Mister Delio Rossi si affiderà ancora una volta all’estro di Mauro Icardi.

Ma gli ultimi giorni di trattative possono regalare nuove sorprese. A cominciare da Gianluca Sansone. La trattativa si può dire praticamente chiusa. Il Doria si aggiudica l’attaccante in forza al Torino con la formula del prestito gratuito ma con l’obbligo di versare a giugno nelle casse granata 1,6 milioni di euro per la metà del cartellino in mano ai piemontesi.

Il direttore sportivo blucerchiato Carlo Osti è impegnato su più fronti. È caccia a un difensore con i soliti Matias Silvestre (Inter) e Giuseppe Bellusci (Catania) sullo sfondo. Non sono gli unici. Nelle ultime ore ha preso corpo la possibilità che l’Udinese giri in prestito ai blucerchiati Naldo, centrale appena acquistato dal Gremio. Alternativa plausibile Federico Fernandez, argentino classe ’89 che nel Napoli di Walter Mazzarri non riesce a trovare spazio.

Gli ultimi rumors conducono poi in Inghilterra, al Fulhan. Lì gioca una vecchia conoscenza del campionato italiano, Pajtim Kasami. L’ex centrocampista del Palermo è nazionale svizzero under 21, piace molto a mister Rossi.

Movimenti minori. Federico Piovaccari è passato dal Novara al Grosseto: la formula è sempre quella del prestito, a giugno tornerà alla Samp per poi essere, con ogni probabilità, smistato altrove. In uscita anche Simon Poulsen e Juan Antonio.