Quantcast
Cronaca

Microcriminalità e vandalismo nel ponente genovese, Rixi (Lega): “La situazione rischia di degenerare”

Genova. Il capogruppo della Lega Nord, Edoardo Rixi, pone ancora l’attenzione sulle criticità e sul problema sicurezza nel ponente genovese. “Le varie territorialità da Pegli a Voltri sono ormai frequentemente preda di azioni che vanno dal vandalismo alla massiccia presenza di nomadi ed alla microcriminalità. Ciò che maggiormente preoccupa è che fatti del genere sono in crescita costante e che al di là dei buoni propositi, l’impressione è che questa Giunta non abbia sino ad ora adottato un atteggiamento di particolare attenzione alle criticità su esposte”. Questo è quanto scrive Rixi nella sua mozione.

L’ultimissimo episodio riguarda il centro di Prà, dove parte dei 150 paletti installati per dissuadere la sosta selvaggia nell’area pedonale di Piazza Sciesa, sono stati sistematicamente divelti per conservare la sosta arbitraria.

“Ovviamente, tali atti comportano un danno economico per le casse comunali, quindi un danno che paga la collettività – prosegue – è evidente che questi fatti sono anche determinati dall’insufficiente numero di agenti di Polizia Municipale presenti a Ponente: il territorio la cui estensione, la più grande di Genova, viene sistematicamente ignorata per quanto attiene l’esigenza di avere una maggior presenza di agenti. Come ha peraltro anche rilevato il Presidente del Municipio, infatti, i pochi agenti presenti vengono quotidianamente destinati su altre criticità cittadine non ultimo il presidio fisso chiesto dai residenti di Borzoli”.

Secondo il consigliere, c’è il rischio che la situazione degeneri e chiede al sindaco di impegnarsi “a prendere in considerazione la situazione che da tempo Le viene segnalata per quanto concerne la delicata situazione che il Ponente genovese sta vivendo e che sta determinando un pericolo sul piano urbano e sociale; a prendere posizione per quanto riguarda la necessità di rafforzare la presenza di Agenti di Polizia Municipale su tale zona per consentire agli stessi un controllo regolare; ad impegnarsi sinergicamente anche con Prefettura e Questura per una presenza razionale di Forze dell’Ordine sul medesimo territorio, evidenziandone le ormai urgenti situazioni di criticità in espansione che rischiano di compromettere la vivibilità e la sicurezza dei residenti”.