Quantcast
Cronaca

Genova, incendio traghetto Athara: iniziato processo

Genova. E’ iniziato oggi, con la costituzione delle parti civili, il processo a carico di nove persone imputate nell’ambito dell’inchiesta per l’incendio divampato, nella notte del 29 gennaio 2009, nella stiva del traghetto Athara salpato da Genova e diretto a Porto Torres con 124 passeggeri a bordo. Gli imputati sono il comandante e il secondo ufficiale della nave che devono rispondere di concorso in incendio colposo e pericolo di naufragio.

Degli stessi reati sono accusati i legali rappresentanti di alcune ditte di autotrasporto che devono anche rispondere di falso ideologico per induzione per aver dichiarato falsamente la natura del carico definito genericamente come collettame e rivelatosi, invece, come merce altamente pericolosa e infiammabile quali vernici, olio combustibile o solventi. Tra i difensori di questi ultimi figurano Ernesto Monteverde e Corrado Bregante. Secondo l’accusa sostenuta dal pm Biagio Mazzeo, il comandante e il secondo ufficiale, difesi dagli avvocati Cesare Fumagalli ed Enrico Vergani, non avrebbero adottato una procedura sicura per rilevare la presenza di fumo nella stiva.

Le fiamme furono così spente in ritardo poiché la nave era già distante alcune miglia dal porto. In un primo tempo il comandante del traghetto e il secondo ufficiale erano stati accusati di non avere adeguatamente controllato i carichi imbarcati ma da questa accusa sono stati prosciolti perché nessun obbligo giuridico di controllo grava su di loro in merito alla rispondenza tra quanto dichiarato dai caricatori e le merci imbarcate. Dalle indagini è emerso che l’incendio era nato dall’avaria all’impianto elettrico nella refrigerazione di un semirimorchio. Le fiamme si erano poi estese a 23 semirimorchi dei 28 che erano a bordo. Si sono costituiti parti civili, tra gli altri, i proprietari di alcuni automezzi danneggiati. Il processo riprenderà il 30 gennaio.