Quantcast
Cronaca

Domenica anniversario del naufragio della Concordia, il CEO Thamm: “La sicurezza sempre stata nostra priorità”

Genova. Mancano quattro giorno al primo anniversario dalla tragedia della Costa Concordia, mentre i lavori per la rimozione dello scafo sono ancora lontani dalla conclusione la compagnia si prepara a ricordare con una serie di cerimonie la tragedia avvenuta all’isola del Giglio.

“E’ trascorso un anno dal drammatico evento di Costa Concordia che ha segnato tutti noi.” Inizia così la mail inviata in queste ore a tutti i clienti della compagnia genovese da parte del CEO, Michael Thamm, che ha recentemente sostituito Rino Foschi alla guida della più grande compagnia crocieristica italiana.

“Siamo stati colpiti nei nostri affetti più cari, i nostri Ospiti e i nostri dipendenti, e viviamo con sincera commozione le sofferenze che tutte queste persone hanno subìto e il dolore delle famiglie di quanti non sono più tra noi.”

Nella mail vengono inoltre spiegate cosa accadrà domenica prossima in occasione del primo anniversario dal naufragio: “Il 13/01/2013 al Giglio ci sarà un momento in memoria di chi ha perso la vita, e ringrazieremo ancora una volta gli abitanti dell’ Isola e tutti i soccorritori, che si sono prodigati così generosamente nell’accogliere ed assistere i naufraghi quella notte.”

“Ad un anno di distanza, quel giorno gli uffici Costa nel mondo e tutte le navi avranno la bandiera a mezz’asta e una messa di suffragio sarà celebrata nei teatri di bordo della nostra flotta, con al termine un minuto di silenzio.

A Genova inoltre, nella città dove la nostra compagnia ha sede, nella Basilica di S. Maria Assunta di Carignano i dipendenti parteciperanno ad una messa di suffragio. Nel rispetto delle nostre diverse religioni, si terrà un rito inter religioso a Parigi (Église de La Madeleine) e saranno anche effettuate una cerimonia indù a Mumbay e Bali, una musulmana a Jakarta, una buddista a Shanghai e una cattolica a Goa, Jakarta, Manila e Lima.

Siate certi che mi impegnerò personalmente, insieme a tutta Costa Crociere e alle altre compagnie del settore crocieristico, affinché sia fatto tutto il possibile perché incidenti come questo non accadano mai più. La sicurezza dei nostri Ospiti e del nostro equipaggio è sempre stata, e continuerà ad essere la nostra massima priorità.”