Quantcast

Borriello si vendica e il Genoa pareggia allo Juventus Stadium

Torino. A Ballardini tocca ricominciare da Torino: Juventus Stadium. Frey in porta, Manfredini, Moretti, Granqvist e Pisano sulla linea dei quattro, Matuzalen, Antonelli, Ruban Oliveira, Kucka in mezzo al campo, Immobile e Floro Flores. Marco Borriello, che l’anno passato da queste parti vinse uno scudetto, relegato in panchina.

La prima azione è rossoblù. Al 4’ buono spiovente in area, colpo di testa di Immobile che Buffon para a fatica. I primi dieci minuti la Juventus non decolla, e il Genoa tiene bene il campo. Ripartenza di Oliveira che sbaglia l’ultimo appoggio. Al 12’ ancora Oliveira conquista un calcio d’angolo, dalla battuta la palla sfila fino a Pisano che calcia malamente alto.
Il primo pericolo la Juve lo crea con Vidal, da lancione di Barzagli.

Da calcio d’angolo seguente Caceres tira alto. Dal quarto d’ora la Juve prende il possesso del pallino del match, ma senza sfondare. Al 19’ Kucka prova ad alleggerire la pressione, ma calcia alto. Al 21’ intuizione di Pogba, Marchisio scappa alle spalle di Granqvist ma calcio a lato.

Al 25’ un fallo di Granqvist su Marchisio concede una punizione invitante a Vidal, che calcia alto. Dal 30’ il Genoa si ripropone: gran tiro dai 25 metri di Immobili su suggerimento di Oliveira.

La Juve si fa pericola principalmente dai calci piazzati: al 38’ Bonucci spizzica di testa sulla destra di Frey. Al 43’ è Quagliarella a colpire da spiovente da destra, ma la palla sfila a lato. 0 a 0 a fine primo tempo.

Il secondo tempo comincia con lo stesso copione: la Juve fa un possesso palla sterile, il Genoa copre bene il campo e prova a ripartire. Il primo pericolo arriva ancora da calcio piazzato: paratona di Frey su Caceres. La Juventus preme e il gol del vantaggio arriva su una combinazione Vucinic, Lichestener, appoggio di Quagliarella.

La Juve si calma, ma il Genoa non riesce a imbastire una reazione. Al 63’ Vucinic prova il tiraccio da lontano, facile presa per Frey. Il Genoa non sembra crederci, eppure la Juve più rilassata potrebbe lasciare degli spazi.

Ballardini mette dentro prima Borriello e Bertolacci, poi Rossi (fuori Immobile, Oliveira e Manfredini). Passa con la difesa a 4. Il Genoa accelera e trova il pareggio: cross dalla destra di Kucka, entra Borriello che fa gol e non esulta. Si fa male Floro Flores, cambi finiti e il Genoa costretto in dieci. Al 72’ discesa di Lichsteiner, tiro dai 20 metri grande parata di Frey. Come ovvio, il Genoa comincia a soffrire.

All’80’ grande palla di Giaccherini, ma Vucinic arriva in ritardo. Poco dopo traversa di Giovinco da calcio piazzato. Finale con proteste dopo un calcio di rigore chiesto dalla Juve. In extremis paratone di Frey che salva il risultato.