Quantcast
Cronaca

Biglietto integrato, trattativa serrata: c’è un’ipotesi di accordo, previsto l’aumento

Liguria. Sul tavolo dell’assessore ai trasporti della Regione Liguria, Enrico Vesco e della collega del Comune di Genova, Anna Maria Dagnino che questo pomeriggio si sono riuniti, insieme a AMT e a Trenitalia per la definizione del biglietto integrato bus-treno, vi è un’ipotesi di accordo, scaturita da un confronto serrato.

“L’ipotesi non è ancora stata definita compiutamente, perché prima è necessario procedere con un esame da parte dei rispetti Enti e consigli di amministrazione – fanno sapere dalla Regione – Nel corso della riunione di questo pomeriggio è stato però fatto un passo avanti nella direzione che porterebbe al mantenimento del biglietto integrato”.

L’ipotesi prevederebbe comunque un aumento contenuto delle tariffe. L’obiettivo di tutti i soggetti coinvolti è quello di siglare un’intesa entro il 31 gennaio quando è prevista la scadenza della proroga. Per quanto riguarda i finanziamenti regionali è stato ribadito dall’assessore ai trasporti, Enrico Vesco l’impegno, già assunto in Giunta dal presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, di corrispondere un terzo delle risorse mancanti al raggiungimento dei finanziamenti necessari. Una nuova riunione è già in programma per la prossima settimana con la partecipazione di tutti i soggetti coinvolti.

“Le richieste del forum – si legge in una nota di Assoutenti – vanno verso obiettivi precisi di tutela e rilancio del Tpl come indicato nel documento consegnato durante l’audizione in Comune il 10 gennaio scorso. Chiediamo che venga attuata la proposta del presidente della Regione Claudio Burlando di non effettuare aumenti tariffari sino alla
definizione del nuovo sistema integrato metropolitano ferro/gomma Amt-Trenitalia-Atp sia orario che tariffario”.

Secondo Assoutenti i 3 milioni necessari alla copertura dei costi 2013 “dovranno essere ripartiti tra gli enti e le aziende. Solo in caso di accordo anticipato sugli abbonamenti indicati e di conseguente riduzione del contributo regionale a 360 mila euro le associazioni sono disponibili ad aumenti contenuti entro l’indice Foi inferiore al 5% che sul sistema Trenitalia/Amt potrebbe avere effetti secondo le tabelle
indicate che scongiura i doppi titoli di viaggio”.

Le associazioni Consumatori sono state convocate dal Commissario Provinciale il giorno 21 alle ore 15 e, alle 17, dal sindaco di Genova . A sostegno delle richieste e’ stato indetto per il 23 gennaio alle ore 17 un presidio in Piazza De Ferrari.