Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Biglietto integrato, da marzo l’aumento. Vesco: “La Regione metterà un terzo di ciò che manca”

Genova. “Rimarrà un titolo di viaggio unico per tutti i mezzi: bus, treno, metropolitana, ascensori, funicolari, nave – bus nell’area del Comune di Genova”. E’ questa la garanzia data dall’assessore ai trasporti della Regione Liguria, Enrico Vesco questo pomeriggio alle associazioni dei consumatori e dei pendolari liguri riuniti sotto il Palazzo della Regione.

L’assessore Vesco ha manifestato la disponibilità della Regione Liguria a coprire con risorse proprie, pari a un terzo di ciò che manca, l’accordo sul biglietto integrato. “Se l’anno scorso nell’ambito del vecchio accordo – ha specificato Vesco – mancavano 3 milioni e noi mettevamo un milione, oggi in presenza di un aumento delle tariffe, deciso dal Comune di Genova, e con il conseguente recupero delle risorse, pari a 2 milioni di euro, saremmo disponibili a mettere 340.000 euro. Cifra che rappresenta un terzo delle parte mancante, cioè 1 milione”.

Al momento non si è ancora quantificato l’aumento che dovrebbe partire a marzo, in quanto la tariffa è nella competenza del Comune di Genova che dovrà approvarla. “Quello che serve però è una vera riorganizzazione del servizio sul bacino genovese – ha continuato Vesco –coinvolgendo Trenitalia e AMT, con l’obiettivo di dare adeguate risposte ai cittadini, tenendo conto ad esempio del sovraccarico o dell’assenza di utenti su alcune linee che potranno essere rimodulate producendo risparmi economici o eventuali incrementi del servizio”.

Un nuovo incontro sul tema tra gli assessori regionali ai trasporti e ai consumatori, Enrico Vesco e Renzo Guccinelli e i rappresentanti delle associazioni si svolgerà venerdì prossimo.