Quantcast
Sport

Basket, serie A3 femminile: Dopo le due vittorie consecutive in casa, la Wideurope Nba Zena fa visita alla capolista Geas

Genova. Reduce dalle due vittorie casalinghe consecutive contro Savona e Costa Masnaga, la Wideurope NBA-Zena è attesa (sabato, ore 20.30) da un incontro proibitivo, almeno sulla carta, in casa del Geas di Sesto San Giovanni, capolista fin dall’inizio del girone A della Serie A3 con ben 11 vittorie nei 12 incontri fin qui disputati.

Unica sconfitta, in casa, contro la Polysport Lavagna che fece, in quel momento, molto scalpore visto che le lavagnesi erano andate a far visita alla capolista quando avevano ancora lo zero nella casella dei punti in classifica. Proprio questo, cioè la possibilità al di là delle probabilità, può infondere coraggio alle ragazze di coach Pansolin che devono partire anche dalla consapevolezza nelle loro qualità, che possono già da sole essere sufficienti a dare qualche preoccupazione alla corazzata lombarda.

Ne è certo coach Pansolin: “Quest’anno non siamo mai riusciti nell’impresa di vincere tre partite consecutivamente e per la terza volta arriviamo ad avere la striscia aperta a due. Per riuscire a sfatare il tabù dobbiamo giocare una partita attenta determinata e concentrata. Il Geas, aldilà dell’emozione che porta giocarci contro in campionato per la storia che rappresenta, è senza dubbio la squadra più forte del campionato con elementi di valore assoluto quali Arturi che non più tardi di sei mesi fa era il loro playmaker titolare in A1 e giovani di livello europeo e mondiale quali Barberis e Kacerik (seste con la nazionale ai mondiali under 17 della scorsa estate in Olanda), la stessa Kacerik e Beretta (argento agli europei Under 16 della scorsa estate in Slovacchia) nonché altre habitué delle convocazioni azzurre quali Gambarini. Non partiamo certamente battute e l’exploit di Lavagna che ha già violato il PalaFalck in campionato è la dimostrazione che si può fare. Sappiamo che sarà dura ma sappiamo anche che riuscire a portarla a casa significherebbe dare una decisa svolta al nostro campionato e alle nostre ambizioni. Penso e spero che sabato sera sarà una bella partita e che se avremo la durezza mentale per giocarla al 100% alla fine potremo guardare con fiducia al risultato scritto sul tabellone”.

Non resta altro da aggiungere se non l’ennesimo rinvio per l’inserimento di Sonia Savi, alle prese con uno sfortunato strascico alla forma influenzale che non le ha ancora consentito, dalla sosta natalizia, di riprendere l’attività.