Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tir a Borzoli, passa mozione sul rispetto del codice della strada. M5S: “Solo una facciata per il consenso”

Genova. Rimandata a oggi e approvata: la mozione sul passaggio dei tir a Borzoli, dopo una settimana di accordi tra le parti, è arrivata in Aula Rossa, condivisa da tutte le forze politiche o quasi. Fuori dai giochi il Movimento 5 Stelle che l’ha definita “di facciata per costruire il consenso” e ha scelto di presentare un emendamento per “ottenere qualcosa di concreto all’interno di una mozione generica, fatta tanto per fare”.

Il documento approvato oggi “visti i gravissimi pericoli per le persone impegna sindaco e giunta a fare tutte le regolamentazioni del traffico affinché il codice della strada venga rispettato”. “Sembra assurdo ma fino a oggi non è successo”, commenta il capogruppo FdS Antonio Bruno, tra i firmatari.

Il “rispetto del codice della strada” però si scontra con un dato di fatto: i tir, date le dimensioni, sconfinano nella corsia opposta. “Ci sono due soluzioni – spiega ancora Bruno – o mettere un limite al traffico dei mezzi pesanti oltre certa dimensione e che quindi oggettivamente non potrebbero rispettare il codice”, oppure “il senso unico a salire che, però, costringerebbe centinaia di persone a fare giri viziosi per arrivare a casa”.

Il nodo da sciogliere secondo Bruno è infatti un alto: “scegliere tra la sicurezza delle persone o i profitti di qualche azienda. Parliamo tra l’altro di un momento temporaneo, visto che la Derrick si trasferirà tra sei mesi e comunque ha altri depositi. Vedremo cosa decide la giunta”.

Bocciato invece l’emendamento Cinque stelle, che impegnava i tecnici a dire esplicitamente cosa può passare e eventualmente vietarlo. “E’ implicito nella mozione – conclude Bruno – per me andava benissimo, e il fatto che il consiglio non l’abbia votato è stato un errore”.

“Il nostro documento – sottolinea il consigliere 5 stelle Andrea Boccaccio nella diretta Twitter dei lavori del consiglio – era per vietare il traffico pesante che supera un tot di pesi/sagome. Indovinate un po’ chi ha dichiarato Si è poi votato No? La lista Doria ed Idv. Peccato..”.

Intanto però gli abitanti continuano a subire i disagi in attesa del trasferimento della Derrick nelle aree portuali. In realtà il semaforo con senso unico alternato in via Borzoli è già arrivato, ma le reazioni non sono positive. Secondo le prime testimonianze i tir correrrebbero ancora di più e l’uscita da casa in strada, per gli abitanti, ancora più difficoltosa.

“Le cose andranno per le lunghe e si aggiungono problemi su problemi – commenta Angelo Spanò – è notizia di questi giorni che il tunnel che doveva collegare la zona del casello di Sestri con la viabilità di via Borzoli è stato sospeso perchè la ditta appaltatrice ha terminato i lavori e preparato solo l’imbocco della galleria. Il lavoro vero e proprio deve essere ancora appaltato – conclude – altro che sei mesi per trasferimento Derrick”.

Senza contare il problema dei rifiuti: “vediamo autotreni di rifiuti indifferenziati che vengono ogni giorno dal Nord. La discarica di Scarpino non deve essere la pattumiera d’italia”.