Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Spalti gremiti per l’International fightshow a Loano: Veronica “Ringhio” Vernocchi perde la cintura

Più informazioni su

Loano. Perde la cintura la genovese Veronica “Ringhio” Vernocchi, messa ko dalla russa Irina Mazepa, ieri sera all’international fight show organizzato a Loano dal maestro Giovanni Perlungher con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale.

Cuore della serata è stato il torneo internazionale di Muay Thai “full rules”, dedicato alla memoria del M° Domenico “Mimmo” Polizzano, ad aggiudicarselo è stato il Turco Aydin Tuncay, (campione di Turchia e di Francia), che nel primo incontro ha impiegato meno di due minuti per superare il Marocchino Jaouad El Byari, costretto al ritiro per una profonda ferita alla tempia. In finale il fighter turco ha superato dopo cinque combattutissimi round il leccese Fabio Siciliani, (plurititolato e già Campione del Mondo di Muay Thai WAKO PRO).

Ieri sera erano in palio anche due cinture valide per il titolo mondiale categoria K1 under 60 kg e under 58 kg a vincere sono state rispettivamente la russa Irina Mazepa e la portoghese Maria Lobo.
Mazepa ha sconfitto per Ko alla prima ripresa l’atleta genovese Veronica “Ringhio” Vernocchi mentre la portoghese Lobo ha battuto ai punti la beniamina locale Luisella Maccione.
“Siamo soddisfatti di concludere con questo evento internazionale il nostro anno di sport – spiega l’assessore Remo Zaccaria – è stato un anno molto intenso e vedere anche questa sera questo palasport pieno per un evento del genere ci spinge a puntare sempre di più sullo sport come volano per la nostra città”.

Gli spalti gremiti anche più delle precendeti edizioni hanno reso meno amara la serata dell’organizzatore il maestro Giovanni Perlungher: “Un grande pubblico anche questa volta, peccato per la sconfitta di Luisella, ma parlando dell’evento ogni anno riusciamo a portare grandissimi atleti qui a Loano, due campionati del mondo oltre al torneo di Muay Thai. Voglio sottolineare la grande presenza di pubblico femminile segno che questo sport attrae anche le donne contrariamente a quello che si possa pensare”.