Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sicurezza, a Genova calano scippi e rapine ma è boom di furti. Femminicidio tra le priorità del 2013

Genova. Calano scippi, borseggi e rapine ma aumentano i furti, “tallone di Achille” di Genova nel 2012. E’ una parte del quadro delineato oggi dal questore Massimo Maria Mazza durante la consueta conferenza stampa di fine anno. Il questore ha inoltre annunciato che il Reparto Prevenzione Crimine è stato incaricato di seguire da vicino i casi di donne maltrattate.

“Fortunatamente a Genova non si sono verificati situazioni di particolare gravità – ha precisato Mazza – ma dobbiamo essere sempre pronti ad intervenire e prevenire reati di questo genere”.

Quanto ai reati predatori che nei mesi estivi avevano subito picchi preoccupanti, i dati in possesso della polizia non “sono così allarmanti”. “Rispetto allo scorso anno abbiamo registrato un calo di scippi, borseggi e rapine quantificabile intorno al 10% – ha detto Mazza – mentre è boom, invece, per i furti in abitazione, un po’ il
nostro tallone d’Achille in questo 2012 – ha aggiunto – e su questo fronte dobbiamo impegnarci di più. Sono in aumento e questo non deve accadere. Incrementeremo le pattuglie sul territorio”.

Inoltre a Genova arriveranno il prossimo anno 25 nuovi agenti: “Decideremo come impiegarli a seconda delle esigenze che il territorio richiederà”. Per il prossimo anno la Questura attiverà collaborazioni con i municipi, associazioni di categoria e con la comunità sudamericana molto forte a Genova: “Il nostro obiettivo – conclude Mazza – è quello di stare vicini il più possibile al cittadino”.

Sulla criminalità organizzata: “A livello regionale – precisa – esiste e sa come muoversi. Sceglie un profilo basso e cerca di fondersi nel territorio. Per questo il nostro lavoro è più difficile”. Tra le tante attivita’
anche la lotta all’usura: “Anche questa – conclude – è tra le priorità. E’ proprio grazie al controllo e ad una maggiore presenza sul territorio cerchiamo di individuare possibili vittime”.