Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pendolaria, blitz di Legambiente a Brignole: “Fateci uscire dalla preistoria”

Genova. “Fateci uscire dalla preistoria” E’ questa la parola d’ordine con cui domani Legambiente Liguria si dà appuntamento all’ingresso della Stazione Brignole a Genova. Un blitz nell’ambito della campagna “Pendolaria” in difesa degli utenti del trasporto pubblico locale. “La spirale perversa dei tagli al servizio e l’aumento dei costi dei biglietti in atto da anni sta portando il sistema del trasporto pubblico locale verso il baratro” dicono gli ambientalisti.

“Crescono i disagi e la disaffezione degli utenti che saranno costretti a ripiegare sul trasporto privato con un aggravio dei costi per le famiglie e un peggioramento della qualita’ della vita”.

“Va cambiata la cultura di chi ha sempre ritenuto il trasporto pubblico un optional – dice il presidente di Legambiente Liguria Santo Grammatico – preferendo investire in infrastrutture stradali e autostradali. Oggi gli investimenti devono essere dirottati dalle grandi opere alle opere più utili e vicine ai cittadini. Invece si continua a sostenere la perversa spirale dei tagli ai servizi con l’aumento delle tariffe e a smontare l’infrastruttura del servizio pubblico”.

Con Pendolaria Legambiente Liguria lancia anche un appello per mantenere l’integrazione tariffaria messa in discussione in queste settimane da AMT e Trenitalia e che riguarda migliaia di cittadini.

Cancellare il biglietto integrato o aumentare i costi è scorretto – conclude la nota dell’associazione ambientalista – e il risultato sarà di veder allontanare ancora di più gli utenti dal servizio di trasporto pubblico, costretti loro malgrado ad utilizzare per i loro spostamenti auto o scooter. Queste scelte rappresentano un ulteriore indicatore del degrado del servizio che rischia concretamente di trasformarsi in un danno economico per i cittadini con ripercussioni ambientali per tutta la collettività. L’integrazione tariffaria, che dovrebbe diventare regionale per soddisfare il bacino d’utenza ligure, rappresenta un passo fondamentale per sviluppare l’intermodalità tra i diversi mezzi che gli utenti utilizzano in Liguria per spostarsi, in particolare mediante l’opzione bus più treno.