Quantcast
Sport

Ottava Coppa Italia per la Pro Recco. Capitan Tempesti: “Ci godiamo questo momento e pensiamo a mercoledì”

Savona. La finale si è da poco conclusa, le autorità si preparano alla cerimonia di premiazione. Per il rituale sono pronti il sindaco di Savona Federico Berruti, l’assessore allo sport Luca Martino e il vice presidente Fin Lorenzo Ravina.

I giocatori e lo staff tecnico della Pro Recco, dopo l’euforia per il successo conquistato con 4 reti di scarto ma con una certa tensione per il tentativo di rimonta dei savonesi, si stanno ricomponendo per le foto di rito e per ricevere il trofeo.

Qualcosa, però, non va per il verso giusto. La squadra della Rari Nantes Savona e il suo allenatore Andrea Pisano prendono la via degli spogliatoi, senza più rientrare in piscina. Gli inviti a rispettare il cerimoniale cadono nel vuoto: i biancorossi, in aperta polemica contro gli arbitri, disertano la premiazione.

L’espulsione “a freddo” di Valerio Rizzo e qualche altro episodio contestato non sono andati giù ai savonesi.

“La partita era già difficile per il valore della Pro Recco, squadra che si è ricompattata ed è nuovamente stratosferica – dichiara Andrea Pisano -. Dispiace per la partita: se nel primo tempo mandi via il capocannoniere del campionato, evidentemente lo spettacolo non ci guadagna. Da fuori non mi pare ci sia stato qualcosa di eclatante da parte di Rizzo. La Supercoppa sarà molto più importante, ma noi tenevamo anche alla Coppa Italia”.

La Pro Recco alza la Coppa al grido “campioni, campioni”. Il capitano Stefano Tempesti racconta le sue sensazioni: “E’ sempre una grandissima emozione quando vinciamo. Restiamo con i piedi per terra però ci godiamo questo momento e pensiamo già a mercoledì”.

Pietro Figlioli è andato a segno tre volte. “Al di là di chi finalizza, i gol sono della Pro Recco. Abbiamo dimostrato di essere sul pezzo. C’erano un po’ di dubbi all’inizio dell’anno, ma se siamo concentrati riusciamo a battere tutti”.

Il secondo portiere della Pro Recco, il savonese Giacomo Pastorino, dichiara: “Giocare a Savona non è mai facile. Dopo tutto quello che abbiamo passato quest’estate una vittoria ci voleva proprio. Mercoledì veniamo qui per provare a vincere un’altra volta”.

I premi speciali sono stati assegnati all’ungherese del Recco Norbert Madaras come miglior giocatore e miglior realizzatore (insieme a Pietro Figlioli) ed a Stefano Tempesti come miglior portiere.

Tra tre giorni, mercoledì alle ore 20, sarà già tempo di rivincita. Stessa piscina, stesse rivali. Blu Shelf Carisa Savona e Ferla Pro Recco si contenderanno la Supercoppa Europea, in quanto la squadra biancoazzurra è campione d’Europa e la Rari è detentrice della Coppa Len. Sarà battaglia vera.