Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, Giornta Gasliniana “Solidarietà e Donazione”

Genova. Si è svolta ieri la Giornata Gasliniana “Solidarietà e Donazione” dedicata al ringraziamento dei tantissimi volontari, riuniti nelle diverse decine di Associazioni, che da sempre sostengono attivamente i pazienti e le attività
dell’Istituto Gaslini, e dei generosi donatori, che anche quest’anno hanno reso possibile – tra le tante opere munifiche – la creazione di nuovi servizi, l’aggiornamento di alcune importanti strumentazioni, il sostegno finalizzato alla cura di piccoli pazienti stranieri.

In apertura della Giornata è stata scoperta la targa per il restauro e la messa in sicurezza della storica Aula Magna dell’Istituto, realizzato grazie al contributo della Fondazione Maria Vilma e Bianca Querci, da oltre vent’anni attiva a favore del Gaslini e oggi rappresentata dal Consigliere Avv. Francesco Illuzzi (nella foto con il Card. Bagnasco mentre viene scoperta la targa commemorativa del restauro).

E’ stato in seguito consegnato l”Angelo del Gaslini” ad un gruppo dei Donatori che durante il 2012 hanno voluto sostenere il Gaslini, quale segno simbolico di riconoscenza verso le tantissime persone che hanno scelto di aiutare l’Istituto sia con interventi diretti che con liberalità.

Infine, a sottolineare il valore di questi interventi, specie quando finalizzati al sostegno delle cure dei pazienti stranieri, è stato portato il ringraziamento diretto di un bambino del Centro America che, grazie alle terapie finanziate da Organizzazioni caritatevoli, ha potuto raggiungere al Gaslini la guarigione (nella foto in braccio alla madre insieme al direttore dell’U.O. Ematoncologia del Gaslini, Giorgio Dini, al Cardinale Angelo Bagnasco, al presidente Vincenzo Lorenzelli, al direttore generale Paolo Petralia e a Don Marino Poggi, direttore Caritas diocesana di Genova).

A seguire S.Em. il Cardinale Angelo Bagnasco ha celebrato la S. Messa in preparazione del S. Natale e portato il suo saluto ai pazienti di alcuni reparti dell’Istituto, in visita privata.