Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Enoch Barwuah, torna libero il fratello di Mario Balotelli: il giocatore del Bogliasco avrà solo l’obbligo di dimora

Bogliasco. I giudici del Tribunale di Brescia hanno confermato l’arresto di Enoch Baruwah, fratello di Mario Balotelli, arrestato l’altra notte per aver aggredito due carabinieri che erano intervenuti in un bar di Bagnolo (Brescia) per sedare una rissa.

I giudici hanno quindi disposto la remissione in libertà del fratello del giocatore del Manchester City, disponendo però l’obbligo di dimora. Pertanto, il giovane attaccante del Bogliasco, non potrà presentarsi al Broccardi di Santa Margherita, venerdì pomeriggio, per il primo allenamento della sua squadra (serie D, girone A) dopo la pausa natalizia. Il processo è stato fissato per il 3 gennaio prossimo quando sarà trattato il merito della vicenda.

Difeso dagli avvocati Luca Crotti e Alessandro Bertoli, Enoch Baruwah, già oggi ai giudici ha raccontato la sua verità. Ha detto di essere stato aggredito all’interno del bar da un altro cliente che gli ha strappato la maglietta e di avere avuto una reazione ingiustificata all’arrivo dei carabinieri in quanto in seguito all’aggressione subita, la sorella Abigail (ex concorrente dell’Isola dei Famosi), che era con lui, era stata colta da malore.

Il giovane attaccante del Bogliasco, si è quindi scusato con i carabinieri e ha precisato che non era sua intenzione far loro del male. Enoch Baruwah è giunto in Tribunale a Brescia a bordo della sua auto in compagnia della sorella che ha atteso la fine dell’udienza di convalida fuori dall’aula.

L’avventura di Balotelli junior al Bogliasco, dunque, non è iniziata proprio nel migliore dei modi. Dal giorno del suo arrivo a Santa Margherita Ligure, quartier generale del Bogliasco, il giovane attaccante è stato utilizzato solo in una occasione, contro il Santhià, per pochi minuti di gioco. Per il resto, solo panchina. Era fra le riserve anche sabato, in occasione di Tortona Villalvernia-Bogliasco, sospesa nell’intervallo per nebbia. Così il giocatore ha raggiunto subito la famiglia, a Bagnolo Mella, per passare le vacanze di Natale. Che passerà a casa, con l’obbligo di dimora, in attesa del processo del 3 gennaio e senza poter rispondere alla convocazione del Bogliasco.